Un gran bel momento per le esposizioni a tema Fumetto: dopo il “digiuno” dovuto al lockdown, ora il popolo della Nona Arte ha certo di che placare i suoi appetiti…

60 ANNI DI DIABOLIK
Ne avevamo già parlato in occasione della mostra proposta a Cartoomics, ma il Re del Terrore sta per andare ben oltre. I suoi 60 anni, infatti, porteranno a brevissimo ottime iniziative.
A partire dal film dei Manetti Bros., rimandato più volte ma ora (toccando ferro) a un passo dalle sale, visto che è previsto per il 16 dicembre 2021. Il film prende spunto dallo storico nr. 3 della saga diabolika: dalla carta alla celluloide, duqnue, ma anche ritorno, visto che è in uscita ilgraphic novel Diabolik il Film, edito da Astorina/Mondadori Oscar Ink. «Sarà in vendita dal 7 dicembre a 19 € in tutte le librerie e online», fanno sapere gli editori. «La lavorazione del volume è stata portata avanti quasi in contemporanea con le riprese del film, tenendo come base la stessa sceneggiatura, riadattata per il fumetto da Michelangelo La Neve, Mario Gomboli e Rosalia Finocchiaro. Grazie alle moltissime foto di scena, che arrivavano in redazione a ciclo continuo prima dal set e poi dalla sala montaggio, si è potuto far muovere i personaggi nelle stesse scenografie della pellicola, precise fino ai più piccoli particolari. Anche tutti i personaggi secondari e le comparse hanno gli stessi volti degli attori che si vedranno nel film, un minuzioso lavoro di trasposizione. Per l’impostazione grafica di Diabolik, Eva e Ginko, invece si è preferito non allontanarsi troppo dalla tradizione dando loro le classiche fisionomie dei nostri protagonisti di sempre. La parte grafica è stata affidata ai disegnatori Salvatore Cuffari e Giulio Giordano, che hanno dato un’interpretazione di Diabolik moderna e adatta a un graphic novel coi magnifici colori realizzati da Bianca Burzotta. Ultimo nome di questa lista di artisti, ma non certo per importanza, l’autore della copertina: il maestro Claudio Villa».
Film a parte, sono previste uscite speciali in edicola e libreria, giochi da tavolo e perfino capi di abbigliamento speciali, ma soprattutto «s
tanno per aprire i battenti ben due mostre a Torino: al Museo dell’Automobile e al Museo del Cinema. Inaugurano entrambe il 16 dicembre, giorno della prima del film, e saranno visitabili a partire dal giorno successivo. I temi sono facilmente intuibili: al Museo Nazionale del Cinema, cogliendo l’occasione dell’uscita del film dei Manetti bros., verrà riccamente documentato il rapporto tra Diabolik e il grande schermo, con riferimenti anche alla storica pellicola di Mario Bava e con molte tavole originali del nostro fumetto preferito in mostra. Al Museo Nazionale dell’Automobile, invece, la Jaguar E-Type sarà ovviamente la star dell’esposizione, con gigantografie delle copertine diabolike che la raffigurano e 13 modellini che riproducono altrettanti “trucchi” visti nelle storie a fumetti (questi provenienti dalla nostra mostra itinerante Tra scienza e fantascienza), il tutto attorno a un’autentica E-Type».

MOEBIUS
È in corso al Paff! di Pordenone la grande mostra Mœbius – Alla ricerca del tempo, in programma fino al 16 febbraio 2022 e realizzata in collaborazione col Comicon di Napoli. Si tratta della «più ampia mostra realizzata in Italia dedicata a Mœbius (Jean Henri Gaston Giraud, 1938-2012)», spiegano gli organizzatori, «uno dei più influenti fumettisti e illustratori di tutti i tempi, massimo esponente della Nona arte francese e autore di opere visionarie note e tradotte in tutto il mondo  come Arzach, Il Garage Ermetico o L’Incal. Il percorso espositivo guida i visitatori nell’universo immaginifico di Mœbius, esplorando il suo rapporto con il tempo, che è sempre stato uno dei temi più significativi e memorabili della sua arte. Esso infatti non è il presente, il passato o il futuro, ma sembra esistere in un loop infinito (come l’œ del nome ci ricorda), che coinvolge ogni amante del fumetto e dell’arte in un continuo gioco di rimbalzi tra dimensioni già trascorse e destini incipienti, realtà e fantascienza, aggiungendo straniamento e sogno a tavole già di per sé strabilianti. Oltre trecento opere, con 153 disegni originali e 174 riproduzioni di vario tipo: incisioni con autografo, stampe d’arte a tiratura limitata con autografo, stampe su Dbond, riproduzioni digitali e scenografiche, distribuite lungo le sale della galleria nell’ala moderna annessa alla Villa Galvani a Pordenone, sede di Paff!». Tutt le info sul sito dell’istituzione. A fine post il video trailer della manifestazione.

BONELLI STORY
C’è ancora tempo fino al 30 gennaio 2022 per godersi la grande esposizione dedicata agli 80 anni di casa Bonelli, aperta il mese scorso negli spazi della Fabbrica del Vapore (via Procaccini 4, Milano). Una mostra che, come spiegano da via Buonarroti, «si propone come la più ricca e rilevante iniziativa espositiva mai dedicata alla Casa editrice e come principale iniziativa per le celebrazioni degli ottant’anni di Bonelli e del suo ruolo fondamentale nella diffusione della cultura fumettistica nel nostro Paese. Un’occasione speciale per confrontarsi con alcuni dei personaggi più noti e delle saghe più amate attraverso i tanti generi che le pubblicazioni Bonelli hanno attraversato nel corso degli anni: il west, l’avventura, la fantascienza, l’horror e il mistero, il giallo, il fantasy. Una carrellata che vedrà ancora una volta in prima fila Tex (che nel 2018 ha conquistato i visitatori con la mostra Tex. 70 anni di un mito), Dylan Dog, icona pop in edicola da 35 anni, Martin Mystère, Mister No, Julia, Dampyr, Nathan Never (di cui ricorre il trentennale), Zagor (che festeggia 60 anni), ma anche gli eroi che animavano le edicole degli anni Quaranta e Cinquanta, senza dimenticare i successi più recenti, come Dragonero, e le prospettive future». L’iniziativa «prevede un ampio numero di tavole e copertine originali, selezionate attingendo a diversi patrimoni e collezioni: l’archivio della Casa editrice, le collezioni di singoli artisti e le raccolte di numerosi collezionisti privati, unite in una collettiva che permette di ammirare le opere di oltre 200 disegnatori. Le tavole, suddivise in grandi sezioni tematiche, ripercorrono cronologicamente dai primordi fino a oggi la storia di Bonelli: disegni attraverso cui prendono vita tutti i grandi personaggi, realizzati da tante firme prestigiose che compongono la grande famiglia di autori che da ottant’anni caratterizza la storia della Casa editrice. Importante, inoltre, la presenza in mostra degli albi e delle pubblicazioni, italiane e straniere, recuperate grazie a un intenso lavoro di ricerca tra storici e collezionisti, e di numerose rarità che faranno la gioia di ogni appassionato».
La Fabbrica del Vapore, via Procaccini 4, Milano. Orari: tutti i giorni 9.30-19.30; giovedì 9.30-21.30; lunedì chiuso. Ingresso € 12,00.
Tutte le altre info sul sito Bonelli. A fine post il video trailer della manifestazione.

FUMETTO! I comics made in Italy
In conclusione, vi ricordiamo ancora una volta la mostra di tavole originali proposta da Wow Spazio Fumetto, di cui vi abbiamo già ampiamente parlato e cui noi di Sbam! teniamo particolarmente.

Buone visite a tutti!