La Sbam-redazione si unisce al generale cordoglio di tutti gli appassionati di fumetti per la scomparsa del grande Enzo Facciolo, vera colonna della storia del Fumetto italiano e autore dell’aspetto grafico definitivo di Diabolik.

Lo abbiamo intervistato più volte per Sbam! Comics, la nostra rivista digitale: in occasione dell’uscita del nr. 31, in particolare, ci aveva concesso una lunga chiacchierata per ripercorrere la sua incredibile carriera (per chi vuole rileggerla, la rivista è disponibile QUI). Una persona gentile e disponibile e un vero artista.

Grazie grande Enzo.

––––

Di seguito, il comunicato diffuso dalla casa editrice Astorina.

Enzo Facciolo, storico disegnatore di Diabolik, ci ha lasciato oggi all’età di 89 anni. Disegnatore di Diabolik fin dal 1963, Facciolo fu incaricato dalle sorelle Giussani, creatici del personaggio, di uniformare l’aspetto dei protagonisti dando a Diabolik, ma anche a Ginko ed Eva, l’immagine grafica che ancora oggi li caratterizza. Mario Gomboli, direttore di Astorina, così ricorda la figura di Facciolo: «Mi sembra inaccettabile che Enzo Facciolo non sia più qui, pronto a parlare di qualsiasi argomento (preferibilmente non di fumetti) come facevamo da più di cinquant’anni. Con il Maestro se ne va una parte della mia vita».

Nato a Milano nel 1931, Enzo Facciolo frequenta la Scuola d’Arte al Castello Sforzesco. Diplomatosi, fonda un suo studio d’animazione la cui attività sperimentale lo pone all’attenzione dei grandi fratelli Pagot nel 1954. Nel 1959 scrive e disegna il suo primo fumetto, una serie breve intitolata Clint due colpi per le Edizioni Domai. Nel 1963 viene chiamato dalla casa editrice Astorina e firma l’episodio nr. 10 L’impiccato.
Per dare una caratterizzazione definitiva a Diabolik, su esplicita richiesta delle sorelle Giussani, Facciolo si ispira agli occhi e al volto dell’attore Robert Taylor, creando anche il caratteristico cappuccio aderente al posto del passamontagna degli esordi. Sue sono anche la caratterizzazione di Ginko e Eva Kant (ispirata a Grace Kelly), nonché di Altea (Ispirata a Capucine).
Il logo della casa editrice Astorina, tutt’ora in uso, con Diabolik che lancia il pugnale è ispirato a un suo disegno. Enzo Facciolo ha illustrato, da solo o con altri, 245 episodi della diabolika collana.

Post correlati