Ci ha lasciati a 78 anni don Tommaso Mastrandrea, storico direttore del Giornalino dal 1976 al 1999, anni durante i quali portò la storica testata fino a 240.000 copie, caratterizzate dal dialogo diretto con i giovanissimi lettori (ricordate Zio Giò? Era lui!).
«In un’intervista del 2003 ricordò la formula vincente», riporta il sito di Famiglia Cristiana ricordando il religioso e giornalista: «”La stessa del primo numero, ottant’anni fa: cioè il fatto di essere un settimanale educativo, pur nell’intrattenimento. E con una capacità specifica: quella di parlare lo stesso linguaggio dei ragazzi – fatto di giochi, fumetti, spensieratezza – e insieme di insegnare le cose utili, andando incontro alla loro crescita, al loro sviluppo“».

Solo per citare qualche nome, in quegli anni il GIornalino propose opere di autori del calibro  di Gino Gavioli, Franco Caprioli, Sergio Toppi, Claudio Nizzi, Carlo Peroni, Gianni De Luca, per citarne solo alcuni tra molti.
Ma don Tom fu autore a sua volta, sceneggiando le varie Bibbia a fumetti, È lui, Paulus Il segreto dei quattro codici sulla vita.

Unanime il cordoglio tra chi ha lavorato con lui e soprattutto tra i tantissimi suoi lettori, tra cui ci mettiamo anche noi di Sbam!: grazie di tutto, don Tom!

(il disegno in apertura è l’omaggio pubblicato da Roberto RInaldi sulla sua pagina Facebook).