BilBOlbul torna, anche quest’anno: dal 27 al 29 novembre 2020 con tre giorni di mostre, incontri e presentazioni, a Bologna e online, con il titolo Corpi disegnati.

Il Fumetto è un’arte di corpi che disegnano corpi: la questione è così ovvia che è stata studiata pochissimo.
Il corpo è il tema di questa edizione: abbiamo scelto autrici e autori che hanno raccontato (e disegnato) il corpo erotico, comico, osceno, non conforme, politico.

Émilie Gleason è la prima ospite di BilBOlbul. Ha vinto il Prix Révélation ad Angoulême con il graphic novel Ted, drôle de coco, un viaggio nella vita quotidiana di un ragazzo affetto da un disturbo dello spettro autistico. Il libro uscirà per Canicola Edizioni durante il festival.
Gleason è anche l’autrice del manifesto di BilBOlbul 2020,  piccolo inno al corpo come spazio di liberazione e sfida gioiosa alla norma.

In parallelo, BBB off diventa una rassegna dedicata all’autoproduzione e ai progetti di editoria collettiva: si chiama COLLA Fest ed è curato dal Collettivo Franco.

Come sempre, gli incontri di BilBOlbul saranno gratuiti, ma quest’anno ci si dovrà prenotare. Il sito dell’organizzazione comunicherà in ottobre le modalità e anche il programma completo della kermesse.

(dall’organizzazione)

Post correlati