Aleš Kot e Aa.Vv., Zero: Emergenza, 160 pp. a colori, saldaPress 2020, € 19,90

Grande talento, idee spiazzanti ma, soprattutto, un’originale visione del medium e della narrazione contemporanea: sono questi gli elementi che caratterizzano la scrittura di Aleš Kot, giovane ed eccentrico sceneggiatore considerato oggi tra i nomi più interessanti del fumetto USA. Dal 3 settembre, saldaPress porta in Italia il primo volume di uno dei suoi lavori più apprezzati, trascinandolo in territori oscuri e assolutamente inaspettati. Stiamo parlando di Zero e del volume inaugurale, intitolato Emergenza.

Edward Zero è la macchina perfetta per portare a termine qualunque incarico gli venga affidato dell’Agenzia. Zero è una spia che non si fa scrupoli a infrangere le regole. Così, quando un ordigno rubato diventa il punto nevralgico di un conflitto che dura da anni, Zero viene spedito a recuperarlo. Il problema è che quell’ordigno si trova all’interno di un terrorista ancora vivo, che respira e che è stato bio-modificato. Ma, soprattutto, alle sue spalle, c’è un intero esercito.

Innestata su una trama classica da action spy-story alla Tom Clancy, Zero è una storia che, capitolo dopo capitolo, deflagra e ribalta in modo originale tutto ciò che siamo abituati a riconoscere in questo tipo di storie. E lo fa anche dal punto di vista artistico, coinvolgendo, nel corso dei quattro volumi che lo compongono, svariati disegnatori. Nel primo, composto da cinque capitoli, i disegni sono affidati a Michael Walsh, Tradd Moore, Mateus Santolouco, Morgan Jeske e Will Tempest. Un viaggio senza respiro nel cuore del cuore dei conflitti che insanguinano il pianeta, sull’onda della visionaria immaginazione di Kot.

(dall’editore)

Post correlati