Cosmo Cartoon – fino al mese di settembre 2020 – Muse – Museo delle Scienze di Trento – c.so del Lavoro e della Scienza 3, Trento – Orari: mart./ven. 10.00-18.00; sab./dom. 10.00-19.00; lun. chiuso – Ingresso: euro 11,00 (ridotto 9,00) valido per la mostra e per tutto il Museo

È ancora visitabile fino a tutto il mese di settembre la grandiosa mostra che il Muse – il Museo delle Scienze di Trento – ha dedicato ai misteri del cosmo visti attraverso i fumetti e gli altri media della cultura pop. La data di chiusura dell’evento è stata largamente posticipata a seguito della chiusura forzata causata dall’emergenza Covid 19.

L’essere umano ha sempre guardato allo spazio con curiosità e ammirazione, timore e desiderio di conquista. In occasione dei 50 anni dell’allunaggio, il MUSE – il Museo delle Scienze di Trento – ha lanciato una grande mostra con protagonista il Fumetto, colto in tutte le occasioni in cui ha raccontato questi fantascientifici sogni ad occhi aperti. Un’iniziativa visitabile fino a tutto il mese di settembre e realizzata in collaborazione con chi di fumetti se ne intende meglio di chiunque altro: lo staff di Wow Spazio Fumetto, il museo milanese dedicato proprio alla Nona Arte, ben noto ai lettori di Sbam! Comics.

Una mostra dal carattere fortemente interattivo e multimediale, che proprio nel Fumetto, e più ampiamente nella cultura pop, trova il suo filo rosso narrativo: dai film di Meliès di fine Ottocento a Interstellar, da Star Trek ad Alien, da Spazio 1999 a The Martian, da Capitan Harlock a Il Pianeta Selvaggio. E poi illustrazioni: dai volumi di Jules Verne e Henri de Parville alle riviste statunitensi dove nacque ufficialmente la fantascienza, fino ai copertinisti di Urania (Caesar, Jacono, Karel Thole, Victor Togliani…). Tutto questo senza dimenticare la fantascienza per i più giovani, dal Corriere dei Piccoli a Topolino, e gli importanti contribuiti dell’arte orientale.

Un focus particolare è dedicato alla Luna e allo sbarco dell’Apollo 11 attraverso un suggestivo salotto degli anni ‘60 tutto da esplorare. Si parla dei protagonisti umani e meccanici dell’esplorazione spaziale, dagli astronauti alle astronavi, e si può perfino pilotare due rover su terreni lunari e marziani e fare una “corsa” verso la Luna!

Il visitatore è condotto nell’esplorazione del Sistema Solare, nella ricerca di vita aliena e tra le strumentazioni usate dagli enti spaziali internazionali per esplorare l’Universo. Si affronta il tema della colonizzazione dello Spazio, mostrando le riproduzioni di colonie spaziali sia fantascientifiche che futuribili. Non mancano una grande area sulla fantascienza intesa come anticipatrice della realtà, con proiezione di future tecnologie, e uno spazio dedicato al game e al videogame.

Il pubblico può interagire con installazioni tridimensionali, schermi touch, postazioni audio e angoli tematici di lettura, fino a concludere il percorso in una vera e propria area giochi per tutte le età.

Per noi fumettomani sono particolarmente appetitosi gli allestimenti con disegni e pubblicazioni originali, ma anche le riproduzioni e ingrandimenti di molte di esse. Molti altri dettagli sull’evento e molte foto delle istallazioni sono disponibili sul nr. 50 di Sbam! Comics, la nostra rivista digitale, scaricabile liberamente da QUI.