«Lo scenario, inutile cercare di edulcorarlo, è fosco. Ogni giorno un segno meno, ogni giorno nuove perdite che erodono il mondo dell’editoria».
È l’Associazione Editori Italiani a lanciare l’allarme, parlando di un calo abominevole delle vendite del 75% nell’ultimo mese: non c’è da sorprendersi, vista la chiusura forzata delle librerie. Ma le conseguenze non saranno indolori.
L’analisi completa in questo articolo su Repubblica.it.

Post correlati