Non più solo digitale: «Avvenimento storico clamoroso: Buduàr diventa di carta!».
È stata annunciata da Lido Contemori e poi presentata ufficialmente lo scorso 5 ottobre la versione cartacea dell’Almanacco dell’arte leggera.

Post correlati