Ettore Mazza, Il sentiero delle ossa, 176 pp. a colori, Edizioni BD 2019, € 17,00

Arriva in libreria e fumetteria Il sentiero delle ossa, una fuga a fumetti ai tempi della preistoria.
Oltre settemila anni fa, in un villaggio sul Mediterraneo, due ragazzi intraprendono un viaggio alla ricerca di una terra promessa, lontana da violenza e soprusi: Acca, insieme al suo amico Gi, cercano di sfuggire al clan che ha ridotto in schiavitù la loro famiglia sfidando la natura selvaggia.

«Credo che Il sentiero delle ossa sia nato dalla voglia di raccontare una fuga, una fuga nel tempo e nello spazio. La preistoria è venuta da sé perché la frequentavo con i pensieri e con il disegno da molto. È un’epoca che, secondo me, per quanto possa sembrarci lontana, parla profondamente di noi di oggi», racconta il giovane autore Ettore Mazza, appassionato di preistoria.

Per ambientare la sua opera d’esordio, ha compiuto un’approfondita ricerca in un’epoca remota e affascinante, dimostrando grande talento nel creare una trama avvincente e coinvolgente. Aggiunge inoltre: «Quello che mi interessava esplorare, attraverso i personaggi, era cosa potesse significare libertà quando ancora non esisteva l’idea della sua negazione né alcuna sovrastruttura che la imbrigliasse». Verrete trasportati così indietro nel tempo, quando l’umanità era ancora giovane, ma con tutti i vizi e i problemi che conosciamo ancora oggi, e la natura ancora più spietata e crudele di quanto avreste potuto immaginare.

(dall’editore)

Post correlati