AA.VV., X-Men: Execuzione, collana Marvel Omnibus, 800 pp. a colori, Panini Comics, € 75,00

Torna in formato omnibus una delle saghe principali degli X-Men del post-Claremont, vale a dire Execuzione. Per chi non sapesse di cosa stiamo parlando, si tratta di un maxi evento mutante che, nel 1992, per diversi mesi incrociò le vicende delle quattro X-serie dell’epoca (Uncanny X-Men, X-Men, X-Factor e X-Force) dando vita ad un’articolatissima trama. A beneficio dei neofiti, è bene ricordare che negli anni ’90 era prassi comune organizzare crossover tra testate diverse, costringendo i poveri lettori a saltare da una collana all’altra se non volevano restare con la storia monca. Altri tempi, signora mia…

Ma torniamo a noi. Execuzione, dicevamo, è una saga che per la prima volta mise insieme i tre gruppi mutanti dell’epoca, da poco rivoluzionati nel cast e nello status.
Da un lato gli X-Men, che avevano appena reintegrato al loro interno i cinque membri originali (niente a che vedere con la faccenda dei Nuovissimi X-Men di ben più recente apparizione), che si erano “ricostituiti” per loro conto in un gruppo parallelo chiamato X-Factor.
Dall’altro lato… X-Factor, nuovo gruppo mutante da non confondersi con quello appena citato (ma come le pensano queste idee nella Casa delle medesime?!) e al diretto servizio del governo.
A margine, anche X-Force, composto principalmente da vari ex Nuovi Mutanti (ancora un altro gruppo…) guidati dall’enigmatico Cable.
Pant pant… Confusi? Non siatelo: vi abbiamo condensato in 5 righe tre anni di saghe mutanti!

Comunque, l’evento prende il via con il botto: durante un comizio pro-mutanti, Charles Xavier viene centrato in pieno da un serial killer che altri non si rivela essere che… Cable. Che però si scoprirà non essere Cable ma Stryfe. Che altri non è che… Vabbè, stop.

Ve ne abbiamo dette anche troppe (e pensate: senza citare Apocalisse Sinistro… ci sono pure loro, eh! E non solo loro), e non vorremmo rovinarvi il gusto della lettura di quella che comunque, al netto di qualche errorino di coordinamento tra i vari capitoli (vero, Peter David?), risulta essere una saga molto godibile, e che in versione omnibus (quindi comprensiva di prequel, sequel ed episodi speciali) si legge tutta d’un fiato.

Gli autori coinvolti non hanno bisogno di presentazioni: Scott Lobdell, Fabian Nicieza ed il già citato Peter David ai testi, affiancati da artisti della matita del calibro di Brandon Peterson, Jae Lee, Greg Capullo ed Andy Kubert, solo per citarne alcuni. Quel che si dice un parterre de roi.

Per gli appassionati cacciatori dei mercatini, una piccola nota: gli episodi di cui sopra si trovano (non troppo facilmente, a dirla tutta) anche su vari numeri delle testate X-Men, X-Men Deluxe e X-Force, tutte edite da Marvel Italia a partire dall’aprile del 1995.

Roberto Orzetti

 

Post correlati