«La storia di Darwin è iniziata nel settimo numero di Romanzi a Fumetti Bonelli, pubblicato nel dicembre del 2012. Nella miniserie che esordisce in edicola il 14 giugno con l’albo intitolato Destini incrociati la vicenda prende strade molto diverse da ciò che era stato raccontato in passato, ma è giusto fare un rapido (ma non troppo…) riassunto di quanto è avvenuto».

Così il sito di Casa Bonelli annuncia alle folle l’uscita in edicola di una nuova miniserie di 8 albi, Darwin appunto, scritto da Michele Masiero e disegnato da Luigi Piccatto, Renato Riccio e Matteo Santaniello e proposta sotto l’etichetta di Audace.

«Secondo qualcuno, i Maya avevano fissato al 21 dicembre 2012 la data della fine del mondo. E proprio quel giorno una pioggia di meteoriti cade improvvisamente dal cielo», spiega la stessa presentazione. «A Parigi, l’irlandese Kent Darwin e la sua ragazza giapponese Chieko vengono separati quando lui perde i sensi. Riemergendo dal buio, Kent non si rende subito conto che sono inspiegabilmente passati alcuni mesi. Attorno a lui, la Capitale francese è sconvolta: la legge della violenza sembra essere l’unica possibile, in una realtà dove si lotta per sopravvivere e dove ogni autorità è scomparsa. In questo scenario, Kent incontra Kinja, un giapponese armato di katana che parla più che altro per enigmi, col risultato che le domande nella testa di Darwin si affastellano piuttosto che trovare risposte.
Consapevole del disastro che sarebbe accaduto, qualcuno avrebbe “creato” un gruppo di ragazzi in grado di trovare un anticho artefatto in grado di far “ripartire” l’umanità.
Qualcosa però viene a sapere: Kent e alcuni altri studenti della Sorbona provenienti da diverse parti del mondo non si trovano a Parigi per caso. Qualcuno, consapevole del disastro che sarebbe accaduto, avrebbe appositamente “creato” gli “Indaco”, un gruppo di ragazzi in grado di trovare un antichissimo artefatto in grado di ripristinare l’equilibrio e far “ripartire” l’umanità.
Kinja in verità è un ex uomo d’affari e membro della Yakuza, convinto a diventare protettore degli Indaco perché sua figlia Chieko è una di loro. Gli Indaco si devono recare sulla montagna “magica” di Bugarach, nel sud della Francia. Secondo varie leggende, il luogo dove è tenuto nascosto il Graal, nonché una delle poche zone preservate dalla distruzione prevista dalla profezia Maya.
Alcuni molto scettici sulla loro “missione” e su chi sarebbero veramente, altri in aperto contrasto con Kinja, gli Indaco si dividono, ma ognuno di loro trova inevitabile recarsi a Bugarach. Uno di loro, però, ha altri piani: conquistare il mondo!».

 

Post correlati