«Prima della creazione della Gilda dei Cartografi e della classificazione generale dei rilevamenti topografici da parte della dinastia imperiale erondariana, la realizzazione delle mappe geografiche era affidata ai commerci dei mercanti, ai rilievi dei corpi militari e alle note di semplici viaggiatori che registravano nei loro diari di viaggio luoghi e percorsi, spesso con approssimazioni tali da rendere quelle mappe di scarsa utilità»
(Solian, Golasbarrata, il Mare della Brezza, Frondascura, il Grande Vallo, la Terra dei Draghi, l’Arcipelago dei corsari…).

Luca Enoch – Stefano Vietti – Alfio Buscaglia, Atlante Dragonero, 48 pp. a colori, Sergio Bonelli Editore 2018, € 16,00

Si sa, l’estate è la stagione ideale per immergersi nello studio di guide e mappe di paesi lontani, quelli che si vogliono esplorare e su cui magari si è fantasticato durante l’intero corso dell’anno.
Non fanno eccezione i luoghi dell’immaginazione, come quelli della saga creata da Luca Enoch e Stefano Vietti.

È in libreria e in fumetteria dal 5 luglio 2018 l’Atlante dell’Erondár: 48 pagine riccamente illustrate e dettagliate che raccontano la geografia del mondo di Ian Aranill. Un libro che pare uno scrigno e che conquisterà i lettori grazie alla cura che lo contraddistingue e alla precisione con cui illustra il mondo di Dragonero.

Dopo il debutto in anteprima al Comicon di Napoli, l’attesissimo Atlante di Dragonero permetterà finalmente i fan di Ian Aranill e compagni di conoscere ogni centimetro dell’Erondár e scoprire i segreti di tutte le regioni che compongono il mondo del Cacciatore di Draghi.

Dragonero è un cacciatore di draghi, uno scout al servizio dell’Impero, per mantenere l’ordine nell’Erondàr.
Ian Aranill, génhu Varliedarto, è alto e robusto. Nato in un feudo di antica tradizione di proprietari terrieri, a Sud-Ovest dell’Awrashùre, Ian è sicuro di sé, coraggioso ma non incosciente, dotato di una personalità equilibrata, costruita con il duro allenamento e la disciplina militare. Il nostro eroe è un ex ufficiale dell’Impero. Ha abbandonato la carriera militare, preferendo entrare nel corpo degli scout. È dunque impegnato in missioni di vario tipo, viaggiando in lungo e in largo per le terre dell’Impero e oltre. Ma Ian è soprattutto un Varliedarto, appartenente all’antica casata dei “Cacciatori di Draghi” e proprio per tali origini viene coinvolto da Alben il mago in una missione che lo porterà ad affrontare e uccidere un Drago…

(dall’editore)

Post correlati