Julian Voloj – Thomas Campi, Joe Shuster, 168 pp. a colori, Bao Publishing 2018, € 21,00

Nel 2018 ricorre l’ottantesimo anniversario della prima apparizione di Superman: la pubblicazione sul primo numero di Action Comics del giugno 1938, che sembra però risalga all’aprile dello stesso anno. Il graphic novel scritto da Julian Voloj e disegnato da Thomas Campi, che prende il titolo da uno dei due storici creatori del supereroe per eccellenza, racconta la storia artistica e umana della nascita del personaggio e la travagliata rivendicazione della sua paternità.

Jerry Siegel e Joe Shuster erano due ragazzini quando inventarono Superman e lo vendettero, incautamente, per centotrenta dollari all’editore che lo avrebbe reso famoso in tutto il mondo. Questo libro, meticolosamente documentato, racconta la storia dei due giovani di Cleveland e della loro ordalia durata fino al 1975, anno in cui fu ufficialmente riconosciuta loro la paternità del supereroe più famoso di tutti i tempi.
Un libro vero, doloroso, fondamentale per conoscere e capire una delle più importanti battaglie per il diritto d’autore mai condotte, ma anche un premuroso, dovuto atto d’amore per un personaggio all’ombra del cui mantello siamo cresciuti tutti, che nel 2018 compie ottant’anni.

Julian Voloj è uno sceneggiatore con all’attivo numerosi graphic novel di non-fiction e adattamenti letterari. Vive insieme alla moglie e ai figli Lisa e Leon nel distretto del Queens, a New York, dalle parti dell’appartamento dove visse Shuster nel 1970.

Thomas Campi, disegnatore italiano pluri-premiato e apprezzatissimo in Italia e all’estero, ha collaborato con Sergio Bonelli Editore (Italia), Ediciones La Cúpula (Spagna), LeLombard (Francia), Dupuis (Francia), Munhakdongne (Korea), Coconino (Italia), NBM-Papercutz (Stati Uniti), SelfMadeHero (Gran Bretagna) e tanti altri. Tra i suoi graphic novel, ci sono Magritte-Ceci n’est pas une biographie, L’éveile (entrambi su testi di Vincent Zabus) e Joe Shuster. 

(dall’editore)

 

 

 

Post correlati