Jeremy Sorese, Curveball, 424 pp. in b/n, Bao Publishing 2018, € 25,00

Dopo anni di avanzamenti tecnologici e comodità automatizzate l’umanità si è impigrita e i robot da cui dipende si stanno rompendo. Intanto Avery, cameriera a bordo di una nave da crociera, è innamorata di Christophe, ma nonostante tutto le suggerisca che la loro relazione sta giungendo al termine, Avery si aggrappa alla speranza contro ogni evidenza.

Curveball è la storia di amore e di fantascienza che sarebbe nata se Nora Ephron avesse raccontato un’opera di Isaac Asimov. Il debutto da fumettista di un illustratore noto in tutto il mondo, Jeremy Sorese, in un corposo volume caratterizzato da un arancione cangiante.

Jeremy Sorese è un disegnatore e fumettista. Nato in Germania, vive e lavora negli Stati Uniti. Ha esordito nel mondo del fumetto come parte dell’antologia Little Heart della casa editrice 2DCloud nel 2012. L’anno successivo è stato inserito nel volume Best of American Comics pubblicato da Houghton Mifflin. Nel 2014 inizia a collaborare con BOOM!Studios, per cui scrive la serie Steven Universe, adattamento dell’omonima serie animata e il graphic novel Steven Universe: Too Cool for School. Nel 2015 pubblica per Nobrow il suo primo lavoro come autore completo, Curveball.

(dall’editore)

 

Salva

Post correlati