«Partecipare a Lucca Comics & Games non significa soltanto smuovere bancali di libri, mettere in piedi uno stand e fare in modo che gli autori siano presenti, matite, colori e pennini alla mano» scrivono nel loro comunicato i membri dello staff Tunuè.

«Il festival di Lucca, che rappresenta il distillato delle passioni, delle idee e dell’insaziabilità di lettori e editori legati al fumetto, al gioco e all’illustrazione, va ben oltre le questioni squisitamente materiali, e implica raccontare, e quindi rispondere a una domanda cruciale: chi siamo? Oppure: chi vorremmo diventare?
Dopo mesi di riunioni, mail e telefonate in cui imboccavamo una strada per esplorarne altre cento, ci siamo detti che per voi vogliamo essere un approdo: l’approdo delle storie. Un luogo in cui arrivare per tirare il fiato e impastare il proprio vissuto a quello dei libri che, come voi, ne hanno passate di belle e d’improbabili per essere scritti, disegnati e, infine, pubblicati.
Ci piacerebbe che il nostro stand, e con esso il catalogo Tunué, rappresentassero la possibilità di una nuova partenza verso i territori dell’immaginario, quelle zone fantastiche che rivelano qualcosa in più su noi stessi e arricchiscono la visione del mondo rispetto alla percezione che ne avevamo prima di intraprendere il viaggio.
Siamo convinti che la lettura possa darci rifugio e allo stesso tempo renderci avventurieri, nelle cose grandi e anche in quelle più piccole dell’esistenza, perché la presenza di senso e di magia si nasconde anche nel dettaglio.
Certo, le barche in cui salirete dopo l’approdo saranno di carta, ma vi assicuriamo che la carta, quando è fatta di buone storie, può stare a galla, attraversare il fuoco, danzare col vento e fluttuare nell’aria.
Questo per dire che vogliamo davvero vedervi approdare e, ancora di più, vogliamo vedervi al timone».

Tra gli ospiti italiani, l’ditore ha già annunciato la presenza di Simona Binni, Mattia Iacono, Francesca Carità, Marco Rocchi, Christian Cornia e Giorgio Salati; tra quelli internazionali, invece, sono attesi Paco Roca, Tony Sandoval e David Rubìn, oltre a Peter Kuper, fresco vincitore dell’Eisner Award con il suo Rovine.

Non mancherà infine lo staff di Monster Allergy, con i vari autori presenti a turno secondo il calendario che vdete in figura (cliccatela per ingrandirla).

Salva

Post correlati