Ah, questi scarabocchiatori! Non rispettano nulla e nessuno con i loro sgorbi, spesso osceni, che piazzano indistintamente sulle pareti esterne di case private, sulle saracinesche dei negozi, lungo le strade, perfino su luoghi sacri, monumenti, sedi istituzionali, boschi dell’Ape Maia

Ebbene sì: Netflix ha dovuto eliminare un episodio della saga della celeberrima insettina, esattamente il 35° della prima stagione della produzione realizzata in computer grafica 3D dallo studio belga Studio 100 Animation nel 2012.
Motivo: una mamma americana ha pubblicato su Facebook una sequenza del cartone animato, dove Maia e Willi volteggiano davanti ad un tronco “disegnato” con un simbolo inequivocabile. Non proprio tipico di un cartoon per bambini piccoli.
Ovviamente, la mamma in questione è rimasta molto colpita e ha diffuso la notizia chiamando a raccolta tutte le sue “colleghe” per protestare. E Netflix ha subito preso il provvedimento di eliminazione.

La cosa peculiare è che l’episodio è in circolazione appunto dal 2012 e nessuno si era mai accorto del dettaglio, nato chissà da dove e perché…