Abbiamo parlato di recente dell’attività fumettistica di un grande cantautore quale Francesco Guccini.
Tra le Nuvole parlanti, la sua opera più famosa è certamente Storie dallo Spazio profondo, disegnata dal mitico Bonvi. Avventure brevi di fantascienza classica dal taglio decisamente umoristico, con pratagonisti un avventuriero spaziale (ritratto cone le fattezze dello stesso papà delle Sturmtruppen) e del suo amico-robot-tuttofare (che ha tutte le caratteristiche – fisico a parte – di Guccini).

storie-spazio-profondoMondadori Comics, che ormai da tempo sta lavorando sull’opera di Bonvi, con le Sturmtruppen e non solo con quelle, lancia in libreria e fumetteria una nuova edizione di questi fumetti, in un interessante ampio volume cartonato di ben 216 pagine, in vendita dal 16 dicembre a € 12,99.
Ad arricchire il tomo, una chiacchierata-intervista tra lo stesso Guccini e Sofia Bonvicini, figlia di Bonvi.

Dal sito della Casa di Segrate, ecco il riassunto della trama dei vari episodi.

GALASSIA CHE VAI
Il primo incontro tra i due protagonisti avviene a seguito di una partita a carte in cui, sul pianeta di New Sodoma, il biondo avventuriero ha perso al gioco la propria astronave, vinta dal robot che diventa da quel momento suo fedele compagno di scorribande, e da cui impara, suo malgrado, che è importante leggere Shakespeare agli sbirillioni che si trovano a bordo, altrimenti diventano feroci.

BONIFICA SPAZIALE
Vagamente ispirata da un racconto di Robert Sheckley, la vicenda narra dei nostri due protagonisti che, scortati da un’astrocorrazzata della marina imperiale, si trovano sul pianeta Spettro 3 per bonificarlo dai fantasmi che – a quanto sembra – lo stanno infestando.

VIVERE RICCHI E FELICI
I due protagonisti si ritrovano proprietari di una scalcagnata stazione radio tv spaziale e decidono di utilizzarla per lanciare, con una pubblicità martellante, un nuovo prodotto: Pirulazio. Per questa storia Bonvi e Guccini sono ispirati probabilmente dal loro vissuto presso la Vimder Film, quando collaboravano con il regista Guido De Maria alla realizzazione di Caroselli televisivi.

MEGLIO SOLI CHE MALE ACCOMPAGNATI
Altro racconto in cui Bonvi, in assenza di Guccini, si ispira a Robert Sheckley. Questa volta, il nostro biondo protagonista, sospettato di contrabbando, è costretto collaborare con la polizia per indagare a proposito di alcuni spacciatori di banconote false nella zona di Alfa Centauri.

LEGIONE DELLO SPAZIO
A bordo dell’astronave dei nostri eroi viene ritrovata una clandestina, niente meno che Tchyzia, principessa erede al trono di Kromon, che sta sfuggendo dalla polizia speciale di Serpens, usurpatore del padre. Si scopre così che il biondo protagonista è stato tenente nella leggendaria Legione dello Spazio, che viene riesumata per dare man forte alle truppe che stanno resistendo.

PUGNI, PUPE E ROBOT
Presso il locale Aquarius, canta la bionda Cris Lamour, che si presenta sul palco senza abiti e fa colpo sul biondo avventuriero che dapprima la protegge dall’impresario Conrad Bakely (ispirato al produttore discografico Corrado Bacchelli) e poi dal sicario incaricato dal produttore McFifty per eliminarla.

CHI CERCA TROVA E I COCCI SONO SUOI
Il nostro onesto truffatore con il suo robot crea un’agenzia viaggi, “Orgiastic Travel Co.” in cui riceve la visita di clienti che parlano solo citando frasi della Bibbia e che lo coinvolgono in un lungo viaggio alla ricerca di un misterioso pianeta.

Salva