volt_01_coverNon solo libri ed editori americani: saldaPress si lancia anche in un’operazione da edicola di produzione tutta italiana, con il primo albo di Volt – Che vita di mecha, serie scritta e (mangosamente) disegnata da Stefano ‘The Sparker’ Conte.

Volt è un giovane robot che sogna di diventare un fumettista. Peccato che sua madre (che ha le fattezze di Darth Vader!) non sia molto d’accordo e pretenda che si trovi un lavoro “vero”. Eccola dunque organizzare sotterfugi assortiti per appioppare al rampollo un mestiere difficilissimo: il commesso in una fumetteria! Come dire: puoi stare nell’ambiente che ti piace, ma almeno facendo qualcosa con cui (si spera) tu possa vivere.
Volt dovrà così imparare ad affrontare i clienti più assurdi, pur senza mai rinunciare davvero al suo sogno…

Nata come autoproduzione, Volt sarà in edicola da gennaio 2017 e non mancherà di colpire l’attenzione di tutti gli appassionati di  fumetti e di manga, citati in mille modi in ogni pagina. Ma più in generale, al lettore non sarà difficile immedesimarsi nel protagonista, diviso tra sogni e vita reale.

In più, in appendice, le strisce umoristiche – ispirate ad aneddoti veri – di Che vita di mecha!, le strip di Le cinetiche mangavventure di Mangaman! e l’eccellente Noi Robot, ovvero l’«humor robotico anni Ottanta».

(Matteo Giuli)

Post correlati