Ah, caro vecchio Pipistrellone… ce l’aveva fatta Snyder a farmi allontanare da te, ma prima o poi le nostre strade dovevano rincrociarsi: e quale migliore occasione di questo primo numero di Batman: Europa (maggio 2016, 32 pp, spillato, RW Lion, € 2,95) per tornare a farsi un giro a Gotham City?

sbam-Batman-Europa-1Questa miniserie dalla lunghissima gestazione racconta una storia del tutto scollegata dall’attuale continuity batmaniana: Bruce Wayne è quindi saldamente al suo posto e per di più con indosso il costume classico (quello grigio e blu, per intenderci). Insomma, nulla di insolito, a parte l’ambientazione, che, come si intuisce dal titolo, è il Vecchio Continente. La missione di Batman è reperire una cura per un veleno che gli ha infettato il sangue e che necessita di un immediato antidoto; i primi indizi portano a Berlino, e le successive tappe del bat-viaggio saranno Praga, Parigi e, da ultimo, Roma… Insomma, un viaggetto niente male per il nostro eroe, insieme ad un partner decisamente… sui generis.

Credits di tutto rispetto per questa mini: ai testi troviamo il nostro Matteo Casali, affiancato da Brian Azzarello; ai disegni (e che disegni, caramba y carambita! Un recensore estasiato) Giuseppe Camuncoli e Jim Lee, con i colori di Alex Sinclair. Insomma, una squadra da Champions League per un personaggio che meriterebbe sempre autori di questo spessore.

Europa è una miniserie ottima sia per i fans di vecchia data che per i neofiti, che si possono gustare qualcosa del Pipistrellone senza per forza ricostruire una continuity ormai divenuta un po’ ostica.
Questo primo episodio ha un unico neo: si legge nel tempo di una colazione; ma fin qui amen (ormai il tempo medio di lettura dei comics americani quello è). Il vero problema sono le sole 11 (sigh!) righe di redazionale: insomma, Lion, un’opera del genere (e un prezzo del genere) meritava un po’ di sforzo in più…

(Renato Giovanelli)