Max Bunker lo ha raccontato più volte: alla sua nascita, nel lontano 1969, Alan Ford venne accolto molto tiepidamente dal pubblico. Perfino troppo tiepidamente. Al punto che – senza il sostegno delle vendite del fratello maggiore Kriminal e la grande fiducia dell’editore – la collana non sarebbe sopravvissuta a lungo.

Il punto di svolta fu l’agosto del 1971: usciva in edicola il ventiseiesimo albo delle avventure del Gruppo TNT, con la prima apparizione di Superciuk.
AlanFord_colori_27Gli alanfordiani più affezionati sanno benissimo di cosa stiamo parlando. Ma anche molti altri conosceranno almeno di fama il Robin Hood al contrario, il super-(anti)eroe che – utilizzando come arma la sua terribile fiatata alcolica – ruba ai poveri per dare ai ricchi. Solo apparentemente un’assurdità: il Nostro è uno spazzino, quindi odia i poveri e le loro borgate di periferia, sporche e fatiscenti, mentre ama i ricchi, i loro quartieri lindi, lucidi e puliti, la loro educazione e la loro classe (vera o presunta).

Su questa base, l’opera di Magnus&Bunker ha potuto analizzare a fondo certi aspetti (e certe storture) della società dell’epoca, ahinoi non dissimile da quella di oggi, con siparietti esileranti e momenti di puro sadismo. Memorabile, ad esempio, la scena in cui l'”eroe” depreda un povero bambino del suo unico soldatino, onde donarlo al viziatissimo rampollo di un nobiluomo per completare la sua preziosa collezione (salvo poi distruggerla perché ormai lo annoia…).

Pittoresco sì, ma comunque un criminale: ecco perché sulle  tracce di Superciuk si mettono gli agenti del Gruppo TNT (tra l’altro, a loro volta malmessi, quindi potenziali vittime del bandito), mentre purtroppo ben diverso zelo viene dalle forze dell’ordine, frenati dalle (ricchissime) autorità competenti.

Alan_ford_colori_28Tutto questo preambolo per dare il giusto valore al ritorno in edicola dello Sbevazzone (come da sempre gli alanfordiani chiamano l’alter-ego di Ezechiele Bluff): la ristampa a colori che 1000VolteMeglio Publishing sta proponendo di Alan Ford è giunta infatti proprio ai numeri 26-27-28, quelli della trilogia di avventure del primo scontro tra Alan Ford e Superciuk (ne seguiranno molti altri negli anni a venire, ma the original è sempre the original): Superciuk, La minaccia alcolica e Il fiasco spezzato sono i titoli dei tre albi, in vendita mensilmente tra giugno e agosto a € 5,00 cad.

Per chi non lo ha mai letto, un’occasione fondamentale per conoscere una pietra miliare dell’Alan Ford classico. Cioè, in ultima analisi, del Fumetto umoristico italiano in assoluto. Lunga sbornia a Superciuk!

(Antonio Marangi)