D’accordo, d’accordo, parliamo di uno dei più clamorosi successi della storia del Fumetto, e degli ultimi anni in particolare. Giusto e sacrosanto che l’editore lo valorizzi e lo proponga ai lettori in ogni modo, onde favorirne la diffusione il più possibile.
TWD-22-coverMa a noi, poveri umili recensori di periferia, saldaPress non pensa? Come possiamo noi parlare ai nostri, di lettori, del 22mo volume del capolavoro di Robert Kirkman, senza spoilerare nulla a chi predilige la serie di albi da edicola di The Walking Dead? Sigh!

Scherzi a parte, occhio a questo avviso ai naviganti: se siete tra i lettori  che seguono – appunto – gli albi da edicola e non la serie in volume, FERMATEVI QUI. Perché mentre voi siete agli esordi della terribile Guerra Totale che la comunità di Rick deve affrontare contro il truce Negan, la serie in libri è molto più avanti. Davvero molto.

Infatti, aprendo il volume 22 vediamo subito che sono passati addirittura anni dalla fine della guerra stessa. Quanti, esattamente, non si sa, ma abbastanza da vedere Carl ormai adolescente e Rick visibilmente invecchiato, per quanto sempre pimpante. Anzi, la gente di Alexandria lo guarda come un mito, una sorta di monumento vivente. Tutto pare andare per il meglio, la vita della comunità si è riorganizzata in una parvenza di civiltà, e il lettore può scoprire cosa fanno adesso i vari personaggi, da Jesus ad Andrea, da Maggie a tutti gli altri.
Déjà vu: Rick sembra proprio Douglas, il vecchio capo della comunità, colui che lo accolse tra le mura di Alexandria e gli dettò le regole da seguire per poter vivere con loro. Ora invece è lui, Rick, ad accogliere, allo stesso modo e con la stessa espressione in faccia, il diffidente gruppetto di Magna, agguerrita fanciulla che giunge in “città”…

Comincia di fatto una nuova epoca – anzi, un nuovo inizio, come recita il titolo del volume – nella lunghissima saga di The Walking Dead. La Guerra Totale ha sancito una spaccatura netta ed evidente tra il prima e il dopo, e Kirkman ci ha aggiunto il carico a briscola, facendoci pure saltare un po’ di anni.
La “nuova stagione” miscela un po’ di vecchio (i protagonisti e, ovviamente, gli zombie) e un po’ di nuovo (il gruppo di Magna e… ancora gli zombie, ma questa non possiamo spiegarvela…), e nuove vicende si profilano all’orizzonte, nuove sottotrame sono in controluce già da questo volume, necessariamente interlocutorio, ma così “cattivo” da concludersi lasciando un gran bel mucchio di punti di domanda al lettore… Ve ne citiamo solo uno per tutti: che ne sarà di Negan?

Ben poco da aggiungere che già non sappiate: Kirkman scrive con la consueta maestrìa (impossibile smettere di leggere fino all’ultima pagina) e Charlie Adlard è come sempre del tutto a suo agio nel disegnare  mascelle penzolanti e arti putrefatti, alternando sapientemente pagine molto fitte con ampie splash-page dai vuoti inquietanti.

Potete delibare tutto questo sul ventiduesimo volume della saga, Un nuovo inizio, 172 pp in b/n (e tanto, tanto grigio), in fumetteria a € 13,50.

(Antonio Marangi)

TWD_Cart_vol2P.S. A proposito della molteplicità di versioni con cui TWD è proposta da saldaPress: lo stesso editore ha diffuso il comunicato che annuncia che, dal 22 maggio, è in vendita anche The Walking Dead – Libro Due – Hard Cover, nuova edizione trimestrale che «raccoglie l’equivalente di due volumi di The Walking Dead, in un elegante formato cartonato, con verniciatura serigrafica lucida delle parti colorate in copertina e sulla costa, e stampa degli interni su carta di pregio. Conta 298 pagine, costa 29 euro e contiene i volumi Al sicuro dietro le sbarre e La forza del desiderio, oltre a molti materiali extra: le 12 copertine a colori degli albi contenuti e gli sketchbook, cioè studi e schizzi commentati da Robert Kirkman». A voi la scelta.

Post correlati