È l’originale iniziativa di Patrizia Mandanici, disegnatrice Bonelli di Nathan Never: per favorire la diffusione del media-Fumetto, lasciamone… un po’ in giro! «Nei parchi, sulle panchine, alle fermate dei mezzi pubblici, in giro insomma: speriamo che vengano letti da chi li conosce poco». Una volta compiuta l’operazione, bisognerà collegarsi al suo blog e indicare dove sono stati lasciati gli ambiti albi, così da creare una mappa dei fumetti in giro.

Infatti, proprio Fumetti in giro è il nome del blog: esisteva già una pagina Facebook con lo stesso scopo, ma ora l’organizzatrice ha lanciato questo mezzo più organizzato per migliorare la resa dell’operazione. Operazione originale, dicevamo, anche se per chi compra un fumetto è magari difficile pensare di “abbandonarlo” su una panchina, nella sala d’attesa del dentista o sul sedile del treno. Ma il pensiero che questo possa servire a far conoscere le Nuvolette a chi le ha dimenticate in prima media, e così facendo contribuire alla sua stessa sopravvivenza (delle Nuvolette, s’intende), dovrebbe lenire il “dolore”.

A completare il sito, anche le indicazioni per i luoghi più tipicamente deputati alla diffusione del Fumetto, dalle fumetterie ai siti d’informazione (c’è anche Sbam!, ça va sans dire…)

«Qualche consiglio per chi vuole lasciare fumetti in giro», avvisa infine Patrizia. «Non lasciatene troppi in un solo punto, non deve sembrare spazzatura, né ingombrare posti che sono comunque pubblici. Prima di lasciare fumetti in giro verificate le previsioni del tempo, che ci siano almeno 3 giorni di non-pioggia».