RAZZI-AMARIStoriche colonne della satira tricolore (tanto disegnata quanto televisiva), Stefano Disegni & Massimo Caviglia sono da sempre un duo in bilico tra strip e musica. Disegni, in particolare, con la sua band Gruppo Volante, nell’ormai lontano 1992 incise la colonna sonora di Razzi amari, il primo musical a fumetti nella storia dell’umanità (!).

In pratica, chi acquistava in edicola l’albo, edito da Franco Cosimo Panini, sceneggiato da Caviglia e illustrato da Disegni, vi trovava allegata anche una musicassetta. In specifici punti della storia, bastava quindi schiacciare il tasto “play” dello stereo per ascoltare la canzone che raccontava proprio quanto stava accadendo nel fumetto in quelle stesse pagine.

Una curiosità: anni dopo, in occasione dell’uscita del film campione d’incassi Matrix, Disegni e Caviglia valuteranno addirittura l’ipotesi di citare per plagio i fratelli Wachowski, registi e autori della sceneggiatura. Il perché è presto detto, e a spiegarlo ci pensò lo stesso Disegni in un’intervista al mensile Ciak: «1992, scriviamo e pubblichiamo Razzi amari, storia di un mondo orrendo che le macchine facevano sembrare bello. Un tipo se ne accorge e le combatte insieme ai resistenti. 1998, esce Matrix, uguale pure nelle scene. Un grosso studio legale ci disse che c’erano gli estremi, i Wachowski collezionavano fumetti da tutto il mondo, ma per portare avanti la causa ci sarebbero voluti troppi soldi…».

Come ogni kolossal che si rispetti, Razzi amari ebbe comunque anche il suo bravo seguito: Il figlio di Razzi amari, pubblicato nel 1996 con colonna sonora de Gli Ultracorpi. Band diversa, ma stesso frontman: ovviamente, Stefano Disegni.

Post correlati