Il 2014 fumettistico può senza dubbio definirsi come l’anno della definitiva esplosione dei cosiddetti bonellidi. Oltre alle varie proposte della Cosmo (qui  e qui per citare casi recenti) e saldaPress (qui), anche la RW Lion ha deciso di lanciarsi su questo mercato riproponendo alcune serie uscite a suo tempo (a colori) in libreria in questa nuova versione: dello scorso anno ricordiamo Y L’ultimo Uomo e Fables; per questo 2015 tocca a Constantine (giusto per strizzare l’occhio ai fan del serial TV) e a Gotham Central (da poco in edicola il nr. 2, collana DC Black & White 2, 96 pagg., B/N, RW Lion, febbraio 2015, € 3,30) , serie di cui parliamo qui.

gotham-central-2Si tratta di una collana pubblicata a suo tempo dalla Planeta DeAgostini, ed ambientata in una Gotham City appena ripresasi dal devastante terremoto che la rase praticamente al suolo (stiamo parlando del biennio 1998/1999) e che diede vita alla saga Terra di Nessuno. I protagonisti di questa serie sono gli agenti della polizia della città, che, dopo la ricostruzione, cercano di tornare alle loro vite ed alla loro routine quotidiana: che purtroppo, in una città come Gotham, vuol dire solo morte e violenza. Assente giustificato (il che è forse un bene, perché avrebbe fatto un po’ di “ombra” agli altri) è il commissario Jim Gordon, ritiratosi a vita privata dopo aver assistito all’omicidio della moglie Sarah (l’avevamo già conosciuta) da parte del Joker al termine di TDN.
Presentissimo invece, anche se si vede poco, è Batman: come si intuisce tra le pieghe delle storie, il nostro pipistrellone rappresenta per la polizia un’ancora di salvezza per tutti quei casi in cui le pistole e i manganelli non sono sufficienti. Una presenza non sempre gradita, ma percepita comunque come indispensabile.
Questo secondo numero contiene i nn. 5/8 della serie Gotham Central (originariamente uscita negli USA dal 2002 al 2006, per un totale di 40 albi), che sono firmati da autori di tutto rispetto: ai testi del numero di gennaio e del primo episodio di questo secondo numero troviamo Ed Brubaker (innumerevoli i suoi successi, da Capitan America a Fatale), scrittore perfetto per le atmosfere hard boiled tipiche della collana; Greg Rucka (Punisher) firma invece i rimanenti 3 episodi. La parte grafica è affidata Michael Lark, già apprezzato su Daredevil e su alcune miniserie e one-shots DC (Terminal City, Hawkman, Batman: Nine Lives).

Un’ottima lettura, sotto ogni punto di vista. Da sempre il lettore italiano ha una certa ritrosia (spesso giustificata) nei confronti delle collane USA proposte in formato diverso dal classico 17×26, ma in questo caso c’è decisamente da ricredersi: la monocromia e il formato bonelliano non tolgono una virgola all’edizione originale, né come fruibilità di lettura né tantomeno dal punto di vista qualitativo. Anzi, se proprio vogliamo dirla tutta, il b/n si adatta perfettamente al tratto pulito di Lark, rendendolo ancora più godibile. Se vi piace Batman, acquistate sicuramente questi albi. Se non l’avete mai letto, questo è un ottimo modo per avvicinarsi al suo mondo. Benvenuti a Gotham.

(Roberto Orzetti)