3089_topolinoUna polemicona grossa così: ecco cosa è derivato dall’anticipazione in Rete dell’immagine della copertina definitiva di Topolino nr. 3089, in edicola dal 4 febbraio 2015.
Sì, perché nei giorni precedenti era invece circolata un’altra immagine, con Topolino e Paperino circondati da una moltitudine di personaggi di ogni età e colore che innalzano una matita: un chiaro omaggio a Charlie Hebdo. E allora come mai ci troviamo invece davanti ad un sorridente Pippo reporter, in viaggio (toh!) verso l’Italia sulle tracce di Alessandro Volta (per la cronaca, è una storia di Teresa Radice e Stefano Turconi)?

«La copertina del settimanale Topolino, circolata in questi giorni in Rete sui principali siti di informazione e attribuita all’uscita n. 3089 del 4 febbraio 2015, non corrisponde all’immagine definitiva selezionata tra una serie di creatività preparata all’uopo di cui l’immagine divulgata faceva parte» ha comunicato Panini Comics. «Il numero in oggetto, infatti, si presenterà nelle edicole con una creatività differente. La scelta di non pubblicare la creatività erroneamente circolarizzata è stata determinata dalle modalità di utilizzo dei personaggi del settimanale».

topolino-charlieChi grida all’autocensura e chi ricorda che Topolino è comunque soprattutto una rivista per bambini, cui poi un’immagine del genere andrebbe ben spiegata. Meno male che stiamo parlando semplicemente di fumetti…