spider-man-ooopsHanno fatto il giro della Rete le foto della “statua” di Spider-Man attaccato – come si conviene a un Arrampicamuri che si rispetti – ad una parete, quella di un centro commerciale in Sud Corea, nella città di Busan. Uno Spider-Man però evidentemente eccitato, tanto che il costume aderente ben poco può fare per nascondere le conseguenze…
Era lassù da oltre un anno, questo Amichevole Uomo Ragno di Quartiere… a luci rosse, e nessuno ci aveva fatto troppo caso, forse perché l’altezza cui la statua era appesa occultava un po’ i dettagli. Almeno fino ad oggi, quando qualcuno indignato ne ha chiesto la rimozione.
L’autore, Eunsuk Yoo, ha cercato di spiegare, anche su Facebook, l’intento comico della sua creazione (dite la verità: chi non ha mai pensato a questo “problema” vedendo i mutandoni attillatissimi di Superman, di Ciclope o dell’Uomo Ragno stesso?!) e si rammarica che non sia stato compreso. Non ha comunque voluto modificare il suo Spider-Man, preferendo rimuoverlo dall’edificio.

Ancora a proposito di “sesso & Sol Levante”, ecco anche un’altra notizia, ma dai risvolti decisamente più importanti: è stata finalmente approvata in Giappone una legge anti-pedopornografia, da anni sollecitata dalla comunità internazionale. Anche a Tokyo e dintorni, dunque, sarà finalmente vietata la detenzione – e non più solo la produzione – di materiale pedo-pornografico. La legge ha però escluso dal divieto i manga, gli anime e i videogiochi: si tratterebbe – hanno spiegato i sostenitori della norma – di censura dell’arte, essendo impossibile stabilire con precisione “l’età” di un personaggio di fantasia. Concetto – ahinoi – quanto mai discutibile, se pensiamo a certe opere…

(21/06/2014)

Post correlati