Empire-of-the-deadC’è stato un tempo in cui, nel mondo del fumetto, Marvel era sinonimo di innovazione, voglia di sperimentare e inaugurare formule narrative inedite. Oggi, di quella originaria vocazione è rimasto ben poco. In una cosa, però, la Grande Emme Rossa è ancora bravissima: fiutare le mode del momento e cavalcarle in grande stile, con l’imponente spiegamento di mezzi consentito dal proprio status di colosso globale dell’intrattenimento.
E così, se il fenomeno The Walking Dead ha fatto esplodere a livello planetario una zombie-mania che dai comics è ben presto tracimata alla tv e ai videogiochi, ecco che la Casa delle Idee (altrui) ha deciso di rispondere da par suo, puntando ancora una volta sui non-morti (dopo il non memorabile esperimento dei Marvel Zombies) e coinvolgendo per l’occasione nientepopodimeno che lo specialista supremo del genere: George A. Romero, celebrato creatore di capolavori cinematografici del calibro di La notte dei morti viventi, pellicola che nell’ormai lontano 1968 codificò di fatto il genere degli zombie-movie.
È lui, infatti, a firmare la sceneggiatura dell’orrorifica miniserie L’impero dei morti, che la Marvel ha lanciato a gennaio negli States e che – per la gioia di tutti gli zombiofili nostrani – Panini Comics distribuirà nelle edicole e fumetterie del Belpaese a partire dal prossimo giugno.

La trama in breve: sono ormai cinque anni che New York è alle prese con l’epidemia zombie e, nonostante la quarantena imposta dal governo, i morti continuano a bighellonare per le strade di Manhattan. Siccome a tutto ci si abitua, però, poco a poco i superstiti imparano in qualche modo a convivere con il fenomeno, illudendosi di poter raggiungere una parvenza di normalità. Peccato per loro che all’orizzonte si stagli una nuova specie di non-morti, assai più pericolosa della precedente…

In attesa di potersi fare un’idea più precisa sfogliando il primo numero, oltre al nome di Romero fa ben sperare la presenza di un disegnatore del calibro di Alex Maleev, che i Marvel fan hanno già potuto apprezzare in diverse occasioni, a cominciare dall’eccellente ciclo di Daredevil firmato in coppia con lo sceneggiatore Brian Michael Bendis.

(13/04/2014)