La storia del mondo in soli 4 minuti. È questo il nuovo divertentissimo cartoon di Gaia Bracco: dal “brodo primordiale” dell’inizio dei tempi a… Barack Obama, passando per gli uomini di Neanderthal, le origini della Storia, gli antichi Egizi, i Greci, i Romani, il Medioevo, Cristoforo Colombo, Leonardo da Vinci, e via via, sempre più velocemente, le massime personalità della storia, positive o negative che siano. E se l’inizio è un chiaro omaggio alla leggendaria sequenza di Allegro non troppo di Bruno Bozzetto, il racconto prende poi il largo in modo del tutto originale ed è talmente rapido e incalzante da richiedere almeno 3-4 visioni per “localizzare” tutti i personaggi che vi compaiono!
Davvero un lavoro eccellente, con il tratto lineare ed efficace dell’artista e per le trovate umoristiche inserite qua e là (due per tutte: gli UFO che completano la piramide e Napoleone troppo basso per l’inquadratura!). Che dire? Applausi!
Eccolo qui di seguito, il video di Gaia, Random Access History, seguito da una nostra breve intervista all’autrice che ci ha spiegato la genesi del suo lavoro.

Ciao Gaia, raccontaci da cosa è nata questa idea.
L’idea mi è venuta quando ho fatto caso al testo della canzone dei Daft Punk
Get Lucky – che tradotta dice “Siamo arrivati troppo lontano, per rinunciare a ciò che siamo” – e ho immaginato una possibile Teoria dell’Evoluzione, una Breve Storia dell’Umanità, da un imprecisato brodo primordiale fino ai giorni nostri.
Altri artisti hanno già affrontato il tema, primo fra tutti Bruno Bozzetto nello spezzone di
Allegro Non Troppo, dove la vita nasce da una goccia di soda (particolare questo che ho voluto omaggiare quando appare Colombo beve una coca; questa è in effetti una doppia citazione, considerando anche La Storia del Mondo per chi ha Fretta). Anche il bellissimo video di Fat Boy Slim è qualcosa di meraviglioso in questo senso, sviluppato con grande ironia. E persino gli autori de I Simpsons hanno affrontato il tema, in una Gag del Divano.

Non solo citazioni, però. C’è anche molto di originale in questo lavoro.
Sì, ho inserito temi e situazioni diverse, inserendo ad esempio  la teoria degli UFO, Dio, Misteriosi Esseri Meccanici non ben definiti. Comunque sono tanti i riferimenti a film e personaggi della tv e dei cartoon.

Fino alla conclusione che torna alle origini…
Il corto è una sequenza di 4 minuti circa con un finale inevitabile: un giorno il Sole si espanderà, prima di diventare una Nana Bianca, e sarà la fine della Terra. Ma dove c’è una fine, c’è anche sempre un inizio. Almeno così spero.

Dicci anche qualcosa sulle tecniche che hai utilizzato.
La tecnica è Flash con qualche correzione in Premiere (tre mesi di lavoro tra alti e bassi). Amici e colleghi mi hanno dato qualche dritta, Stefano Buonamico, Leonardo Settimelli, Carlo A. Fiaschi, mentre un amico bibliotecario
, Gianluca Zaffino, mi ha fatto da consulente storico, visto che a un certo punto, ho sentito il cervello friggere. Quindi ringrazio tutti loro, ma anche quelli che l’hanno visto, commentato condiviso o anche semplicement lasciato un Like su Facebook.

(Antonio Marangi • 14/09/2013)