Eccolo: è in edicola nella versione italiana di Panini Comics il fatidico nr. 700 di Spider-Man, che – con studiato calcolo (o per fortunata combinazione) – coincide con il nr. 600 della collana nostrana dell’Arrampicamuri (data di cover 29 agosto 2013, € 3,30).

Un traguardo sicuramente importante per una serie a fumetti, qualunque essa sia, che n questo caso ha coperto oltre 26 anni anni di edicola passando per tre editori diversi. Il tutto viene festeggiato con un albo proposto con ben otto copertine alternative che solleticheranno le papille di tutti gli appassionati: sei disponibili in edicola (ve ne mostriamo due in questo post), una solo per le fumetterie (la variante platinum) e una – firmata nientemeno che da Steve Ditko! – riservata al cofanetto Collection che le contiene tutte.
Amazing Spider-Man 600, allora: propone una storia già ben nota per tutto il clamore che suscitò al momento della sua uscita in USA lo scorso inverno (vedi), una storia che resterà sicuramente nella storia dell’Uomo Ragno. E – anche se i precedenti lasciano pensare che in qualche modo, tra uno, due o tre anni, con soluzioni ardite magari al limite dell’accettabile, tutto tornerà come prima – non si può non restare colpiti dallo svolgersi della vicenda.

Desiderio di morte è cominciato sul numero precedente, il 599, quando un dottor Octopus, ormai ridotto a un grottesco cadavere ambulante, ha sferrato il suo terribile, impensabile attacco all’Uomo Ragno.
Lo scontro finale – Peter/Octopus vs Ock/Spider-Man (e non aggiungiamo altro) – è una vorticosa sequenza di colpi di scena, di rovesciamenti di fronte, di amici che diventano nemici e acerrimi nemici che diventano alleati. Il tutto condito da continui riferimenti all’intera storia dell’Arrampicamuri, omaggi alle grandi saghe del passato e a personaggi ormai storici. Tanto che gli autori, Dan Slott (testi), Humberto Ramos (disegni), Victor Olazaba (chine) e Edgar Delgado (colori), sentono il dovere di dedicarla “orgogliosamente e umilmente ai giganti nostri predecessori… soprattutto Stan Lee, Steve Ditko e John Romita“.
Appuntamento a fine settembre con il primo numero di The Superior Spider-Man, certamente la testata più rivoluzionaria (e rivoluzionata) di Marvel Now!.

Per completezza d’informazione, l’albo 600 contiene anche un breve racconto a firma J. M. De Matteis e Giuseppe Camuncoli, Sogni da ragno, oltre a una cover-gallery con tutte le 700 copertine americane dell’Arrampicamuri.

(Domenico Marinelli)