Nono numero della testata dedicata al ritorno in edicola del Paperinik “classico” (qui avevamo parlato della prima uscita) dopo i fasti di Pikappa (di cui invece parlavamo qui).
Un numero (mensile, nr. 9, Disney Italia, giugno 2013, € 3,20) che ci ha più che particolarmente colpiti: signori, la famosa e sempre ventilata ipotesi di un incontro “diretto” tra i mondi Marvel e Disney è finalmente realtà, qui, su questo albo, grazie agli italianissimi autori di Disney Italia: Paperinik contro Capitan Paperopoli è infatti la storia di apertura del volume, e vede l’incontro-scontro dell’alter ego di Paperino con tutti i più celebri villain marvelliani, sia pure sotto mentite spoglie. Dal Dottor Cestino alla terribile Confraternita dei Cattivacci con Poteri Stranissimi capitanati da Kalamito, da Krapfen il Pasticcere al Teschio Grosso e perfino a Pappator il Divoratore di Mondi! Ma sono decine le citazioni e le apparizioni di classicissimi personaggi Marvel tra queste pagine, tutti opportunamente paperizzati ma perfettamente riconoscibili.

A dare una mano allo stupefatto papero mascherato arriva Capitan Paperopoli, dapprima suo nemico, poi suo alleato (perché “quando due supereroi si incontrano, prima combattono per qualche spiegabilissimo equivoco e poi lavorano insieme“), ma soprattutto Jack Duckby, vecchio disegnatore in grado di cambiare le sorti di questo splendido metafumetto, in un grande, sentitissimo omaggio al grande King del fumetto americano.

Anche la grafica e il tono dei dialoghi e delle didascalie simulano lo stile dei comicbook supereroici. Ad illustrare il tutto, un disegno dallo stile “spigoloso”, disneyano al punto giusto, ma gradevolmente innovativo, perfetto alla bisogna. Insomma, un vero capolavoro in grado di unire la passione marvelliana a quella disneyana di qualsiasi lettore di fumetti. Gli artefici dell’opera? Standing ovation per Roberto Gagnor  (testi) e Alberto Lavoradori (disegni, nel ritorno – dopo qualche anno – su un albo disneyano di uno dei creatori di Pikappa).
A proposito di Alberto: permetteteci una piccola divagazione autocelebrativa, visto che parliamo dell’autore di uno dei nostri Sbam! Book, la collana edita da ADM Editore, così come Sbam! Comics, la nostra rivista digitale: Stirpi (disponibile qui), l’ebook intraprogettuale (come da felice definizione del suo creatore), che abbiamo avuto il piacere di veder citato anche nell’intervista ad Alberto su questo stesso albo disneyano.

Ma la goduria di questo volume non si ferma qui. Ogni numero di Paperinik Appgrade comprende infatti un inedito – in questo caso quello di Gagnor e Lavoradori – una serie di storie già proposte negli anni, e un’ultima avventura scelta tra i grandi classici del personaggio, chiamata storia cult appunto: questo mese è riproposta la primissima apparizione di Paperinika, versione in gonnella di Paperinik impersonata da Paperina. Un vero piccolo manifesto del femminismo (siamo nel 1973, non dimentichiamolo), dove è l’eroina-femminuccia a salvare il donzello in pericolo (Paperino, accidentalmente privo degli “aggeggi di Paperinik”), usando come armi collane di perle esplosive, cipria paralizzante e cinture elastiche alla moda! Un gioiello targato Guido Martina (primo autore di Paperinik stesso) e Giorgio Cavazzano.

Mettiamoci anche la copertina di Andrea Freccero e rimane da dire solo: Sbam-fans, applausi.

(Antonio Marangi)