Dopo il successo ottenuto anche in Italia da The Walking Dead, ecco un altro fumetto proposto da Robert Kirkman, questa volta nelle vesti di editore, che siamo sicuri non deluderà le aspettative: Witch Doctor. Non è, infatti, un caso se Kirkman ha scelto proprio questa serie per inaugurare nel 2010 Skybound, etichetta da lui creata all’interno di Image Comics. “In ogni pagina si incontra un personaggio nuovo, si visita un posto diverso, si viene introdotti a un nuovo concetto” ha scritto Kirkman nella introduzione al primo volume di questa nuova serie, intitolato Sotto i ferri, distribuito in Italia da saldaPress. “E, secondo la mia modesta opinione, in questa serie è tutto dannatamente avvincente. Quello che state per leggere è uno straordinario capolavoro realizzato da due creatori dotati di molto talento, Brandon Seifert e Lukas Ketner”.
Per il vostro diletto, noi di Sbam! Comics abbiamo intervistato Seifert (sceneggiatore) e Ketner (disegnatore) per saperne di più sul Dr. Morrow, “stregone” a metà tra Dr. House e Dr. Who, e per conoscere la loro storia: dalle prime autoproduzioni distribuite gratuitamente online al passaggio a una casa editrice di successo.

Come è iniziata la collaborazione tra voi?
Brandon: Ho incontrato Lukas nel 2007. Entrambi volevamo lavorare nel mondo dei fumetti, così abbiamo deciso di “collaborare” e realizzare un breve fumetto da inserire nel nostro portfolio. L’idea su cui abbiamo iniziato a lavorare era Witch Doctor: ci siamo resi conto che era un concetto solido e che potevamo trasformarla in una vera e propria serie.
Lukas: Ci eravamo incontrati dopo che avevo illustrato un articolo che Brandon aveva scritto sulle bande dell’Alaska che migrano a Portland per Anchorage Press, un settimanale locale appunto di Anchorage, in Alaska. Siamo entrambi originari dell’Alaska, io di Anchorage e Brandon di Fairbanks, ma non ci conoscevamo fino a quel giorno.

Come è nata l’idea di Witch Doctor?
Brandon: Inizialmente ho avuto l’idea di un dottore che iniziava a combattere mostri, rimanendo sempre in un ambiente medico. Quell’idea mi è rimasta in testa per anni fino a quando ho incontrato Lukas. Continuavo ad avere idee su quel soggetto, e ben presto Lukas mi ha detto che avrei dovuto portare avanti il progetto e vedere dove sarei arrivato.
Lukas: Da lì, ho iniziato a sviluppare la parte visiva di quella che sarebbe diventata la serie. Abbiamo voluto sviluppare qualcosa che giocasse con entrambi i nostri punti di forza, e questa scelta ci ha guidato nella direzione che abbiamo dato alla serie. Le immagini da cui parto per realizzare la serie coprono quasi tutto l’immaginario di ciò che rende per me divertente il disegnare.

Voi avete autoprodotto Witch Doctor per due anni, mettendolo a disposizione gratis online. Cosa potete dirci di quell’esperienza?
Brandon: Lo abbiamo fatto soprattutto per cercare di trovare un editore per il personaggio. Ma penso che quell’esperienza abbia insegnato molto a entrambi sul come fare fumetti, e penso che ci abbia reso più autosufficienti.
Lukas: È vero. Per chiunque cerchi di far funzionare la propria serie, il consiglio è di non limitarsi a promuoverlo, ma di fare un libro che sia breve, completo e dia un assaggio soddisfacente del suo concetto. Così facendo, imparerà tantissimo e mostrerà che tipo di potenziale può avere la sua serie.

Come è cominciata la collaborazione con Robert Kirkman?
Brandon: Robert ha visto il numero autoprodotto di Witch Doctor su internet e ci ha inviato una e-mail. C’è voluto quasi un anno di conversazioni, ma alla fine abbiamo firmato con la sua etichetta, la Skybound!
Lukas: È successo di punto in bianco!

Come nasce un volume di Witch Doctor? I vostri ruoli sono nettamente separati?
Brandon: Sì, il lavoro è abbastanza diviso. Mi vengono delle idee per la storia e le rimpolpo, poi scrivo i copioni. Mi consulto con Lukas sul lavoro di progettazione che ogni storia necessita, e poi lui comincia da lì.

Brandon, qual è il tuo processo di scrittura?
Davvero non lo so. Ogni storia è diversa. Cerco solo di fare qualsiasi cosa che poi mi faccia ottenere delle parole da scrivere sulla pagina.

E tu Lukas, quale tecnica di disegno utilizzi?
Sommariamente, pennello e inchiostro. Disegno da quando sono nato, ma le cose sono davvero cambiate per me la prima volta che ho provato a disegnare con un pennello. Oggi, Witch Doctor è disegnato quasi interamente digitalmente con la mia Wacom Cintiq, ma la tecnica è la stessa

Che cosa rende Witch Doctor differente dalle altre serie horror?
Brandon: Per me, il fatto che le basi siano nel mondo reale, è questo ciò che lo distingue. Non si vedono altre storie soprannaturali con un sacco di vera biologia e con uno sfondo medico. Inoltre, non è solo una serie horror, è anche una commedia e un libro d’azione.
Lukas: Per me, è la combinazione magia/medicina, oltre a una certa sensibilità nello spiegare “come funzionano le cose”. Leggendo il fumetto, si arriva a imparare nuove cose sulla magia e sui mostri, e sul loro operare, ma mai in un modo che li renda meno divertenti o non soprannaturali.

In Witch Doctor, la magia si mescola con la tecnologia. Come è nata l’idea delle incredibili macchine adoperate dal Dr. Morrow?
Brandon: Ho avuto qualche idea per dei macchinari da far usare a Morrow e, quando Lukas li ha disegnati, ho capito che aveva un talento enorme in questo campo. Così ho iniziato a sfidarlo con nuove idee.
Lukas: Io adoro serie come Ghostbusters e B.P.R.D, che mostrano macchinari pratici con componenti soprannaturali. Data la ricchezza di grandi e spaventose macchine nella medicina reale, credo che questo sia diventato uno degli aspetti più essenziali e divertenti di Witch Doctor.

Quanto è importante lo humor in Witch Doctor?
Brandon: È estremamente importante. Non mi interessa scrivere fumetti che non abbiano un senso dello humor.

A cosa state lavorando adesso?
Brandon: Clive Barker e io stiamo scrivendo la serie a fumetti in corso Hellraiser: The Dark Watch dell’editore americano BOOM! Studios. Sto anche lavorando su tanti progetti che non sono stati ancora annunciati da parte di editori americani.
Lukas: In questo momento sto facendo una storia per Creepy Comics di Dark Horse, scritta dal proprietario della serie Dan Braun. Anche altre cose, ma nessuna novità al momento.

La versione più estesa di questa intervista e molte altre informazioni su Brandon e Lukas e sul loro personaggio sono su Sbam! Comics nr. 9, la nostra rivista digitale scaricabile gratuitamente da qui.

(Sergio Brambilla)