Ed ecco che il buon Hulk, dopo anni di convivenza con il Diavolo Rosso nella ormai storica testata Devil & Hulk, torna ad avere l’onore di una testata tutta sua (così come Devil ha già da qualche mese, con Devil e i Cavalieri Marvel). Testata che per di più reca un nome entrato nella storia: Hulk & i Difensori.

Tra il 1975 e il 1976 infatti, la leggendaria Editoriale Corno chiamò così l’albo – durato 44 uscite – dedicato al gigante verde e al gruppo più eterogeneo della storia super-eroica: comprendeva un mostro potentissimo ma senza cervello (Hulk), un maestro delle arti mistiche, anzi, proprio lo Stregone Supremo della Terra (il dottor Strange), il re di Atlantide (Namor Sub-Mariner, non ancora identificato come mutante) e, almeno per un po’, un semidio interstellare (Silver Surfer). Il tutto sotto le autorevolissime firme di Roy Thomas e Steve Englehart e le tavole di Sal Buscema e Ross Andru.
I Difensori che troviamo su questo nuovissima collana richiamano chiaramente quelle origini, seppure ovviamente adattate alla Marvel di oggi.

Pare proprio che Hulk – che si è misteriosamente “diviso” da Bruce Banner, ma ancora non sappiamo perché – abbia un grosso problema: Null,il Distruttore di Mondi, l’entità di pura furia e potenza in cui Hulk stesso si era trasformato durante Fear Itself, ora è libero, “senza” Hulk, e va ovviamente fermato. E per questo il gigante di giada chiede aiuto ai suoi vecchi alleati più qualcun altro. Così rivediamo uniti nella lotta Strange, Silver Surfer e Namor, ma anche la She-Hulk rossa (Betty Ross, ex moglie di Bruce Banner) e Iron Fist. Il seguito alla prossima puntata, tutto su testi di Matt Fraction e disegni di Terry Dodson.
L’albo comprende anche le storie di Hulk, anzi “degli” Hulk: l’Hulk “tradizionale” verde (di Jason Aaron e Marc Silvestri) e quello “nuovo” di color rosso, ovvero il generale Ross, eterna nemesi di Bruce Banner e oggi a sua volta gigante ai raggi gamma nonché membro dei Vendicatori (di Jeff Parker e Patch Zircher).

Se consideriamo che sono in circolazione anche due She-Hulk (Jennifer Walters, cuginetta di Bruce e “regolarmente” verde, e Betty Ross, la rossa di cui parlavamo sopra), i figli dell’Hulk originale, Skaar (oggi anche membro dei nuovi Oscuri Vendicatori) e Lyra, e da oggi anche Null, in un certo senso un Hulk nero, anche il settore gamma del mondo Marvel dà il suo bel daffare al lettore che volesse seguirlo adeguatamente…

Ultima nota sull’albo in questione (nr. 1, luglio 2012, Panini Comics, euro 3,50): è stato presentato con cinque varianti di copertina, e comprende anche una breve storia del dottor Strange, anche questa di Matt Fraction e Terry Dodson.

(Antonio Marangi)