Allora: siamo a Manhattan, notoriamente un’isola. Peter Parker è un uomo felice, ha una nuova morosa, la bella poliziotta Carlie Cooper, e un nuovo lavoro, per una volta redditizio. Resta il mistero di dove trovi il tempo di lavorare, preso come è tra i Vendicatori, i Nuovi Vendicatori, la Fondazione Futuro (ex Fantastici 4, rimasti in tre dopo la dipartita del buon Johnny Storm; ne parlammo qui secoli or sono) e i suoi giri notturni per pattugliare la città.
J. J. Jameson
è sindaco della Grande Mela ed è sempre ‘zzatissimo con l’Uomo Ragno, ma adesso che non fa più il giornalista pare che la cosa non influenzi più di tanto il popolo tutto.

Intanto è tornato in auge lo Sciacallo, classicissimo nemico di Spider-Man (per l’occasione agghindato – lo Sciacallo, non Spider-Man – con un elegante pantaloncino a pinocchietto, mentre in origine era invece bello biotto). Lo Sciacallo, dicevamo, ha la mania di clonare le persone, e infatti fu “colpa” sua la famosa, contestatissima Saga del Clone dei tempi che furono. E adesso pensa bene di diffondere in città antipatiche cimici dei letti (bleah!) geneticamente modificate che appioppano poteri di ragno a chiunque pensino bene di pungere. Tra coloro che si trovano di punto in bianco trasformati in uomini-ragno (o donne-ragno ovviamente) le reazioni sono diverse: qualcuno va anche fuori di testa, ma soprattutto tanti non vivono secondo il motto “da grandi poteri derivano grandi responsabilità” le nuove opportunità, e anzi ne approfittano biecamente.

Un gran caos, insomma, cui Vendicatori e Fondazione Futuro tentano di rimediare mettendo in quarantena tutta l’isola di Manhattan (da qui il titolo della saga) e cercando un antidoto al “morbo”. Peter Parker ha anche un problema in più: farsi riconoscere in questa sterminata folla di suoi epigoni!

Per il momento non sappiamo ancora dove voglia arrivare il buon dottor Miles Warren, alias lo Sciacallo, nè che conseguenze avrà tutto questo sulla già incasinatissima vita del nostro amichevole tessiragnatele di quartiere. Di certo (c’è bisogno di dirlo?), dopo questa saga nulla sarà più come prima!

Trama intricata al punto giusto, opera di Dan Slott, e disegni a più mani: per ora abbiamo visto le tavole del “nostro” Stefano Caselli e di Humberto Ramos. La saga si sviluppa in sei uscite della collana regolare di Spiderman (nnr. 576 del 23 febbraio 2012 e seguenti), Panini Comics, euro 3,30 cad.

(Antonio Marangi)