PK il mito – Volume 1: Le nuove origini I progetti del Corriere della Sera – con Walt Disney Company Italia, febbraio 2012, € 1,99 + il costo del quotidiano

È uscito – in abbinamento a Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport – il primo volume di PK il mito,  raccolta cronologica completa delle avventure di PK. La serie prevede 36 uscite in eleganti volumi con copertina effettata, con l’edizione “definitiva” delle avventure del primo, vero supereroe Disney: raccoglie tutte le avventure uscite sulle tre serie dedicate negli anni all’erede di Paperinik: PK News Adventures (1996-2001), PK2 (2001-2002) e PK-Pikappa (2002-2005), per complessive 7000 – e oltre – tavole fumettate.

Paperinik è uno dei personaggi in assoluto più amati e conosciuti della produzione Disney. Era il 1966: “Che intuzione ebbe (…) l’indimenticabile Elisa Penna, caporedattrice di Topolino, tempestata dalle richieste dei lettori scontenti che non ci fosse mai, proprio mai, una luce positiva nella vita (a fumetti) del povero papero (Paperino ovviamente, Ndr)scrive Fabio Licari in una delle introduzioni a questo primo volume. “Era il favoloso decennio dei supereroi con superproblemi, quelli Marvel – l’Uomo Ragno, i Fantastici Quattro e Hulk – protagonisti di avventure nelle quali l’uomo dietro la maschera veniva sempre prima dell’eroe con poteri cosmici: storie nelle quali si riscrivevano i codici della narrazione supereroica. Era anche – almeno in Italia – l’epoca di Diabolik e degli altri eroi in calzamaglia, più o meno proibiti, che comunque suscitarono negli appassionati, e non solo, un interesse mai visto. Da queste influenze, combinate con la grande tradizione dei Disney italiani nacque Paperinik, il diabolico vendicatore“. La prima apparizione fu su Topolino nr. 705 del 1° giugno 1969, testi di Guido Martina, disegni di Giovan Battista Carpi.

Quasi trent’anni dopo, nel 1995, la Disney cominciò a pensare a un rinnovamento, a un’evoluzione del papero mascherato da simpatico pasticcione – per quanto ipertecnologico – a vero eroe cosmico, dall’armadio-ascensore che conduceva Paperino allo scantinato segreto di Paperinik, ai 151 piani della futuristica Ducklair Tower, dall’assistenza e inventiva (pur egregie) di Archimede Pitagorico alla fantascientifica intelligenza artificiale di Uno, dalle scaramucce con i Bassotti e altri scalognati malviventi a nemici cosmici come gli Evroniani… Anche Paperopoli passa da città campagnola, tutta villette e vialetti, a metropoli ultramoderna.

La realizzazione pratica dell’opera costituì una piccola rivoluzione, dal classico formato topoliniano a quello dei comic-book americani; le sceneggiature e il disegno dovevano riuscire ad avere un taglio più adulto ma mantenendo tratti tipicamente disneyani, anche la scansione delle pagine con la suddivisione in vignette doveva essere completamente ristudiata. Un lavoro enorme che ha coinvolto molti autori della scuderia Disney.
Questi gli episodi e gli autori di questo primo volume:

La cover di PK-Pikappa nr. 1, agosto 2002

Evroniani
Soggetto: Alessandro Sisti, Ezio Sisto
Sceneggiatura: Alessandro Sisti
Matite e chine: Alberto Lavoradori
Il vento del tempo
Soggetto: Alessandro Sisti, Ezio Sisto
Sceneggiatura: Alessandro Sisti
Matite e chine: Claudio Sciarrone
Xadhoom!
Soggetto: Alessandro Sisti, Ezio Sisto
Sceneggiatura: Alessandro Sisti
Matite: Paul Ackerman
Chine: Alessandro Zemolin

(Antonio Marangi)