Daniel Cuello, Residenza Arcadia, 176 pp a colori, Bao Publishing 2017, € 20,00

Un condominio, nella periferia di una grande città. Liti e battibecchi tra condomini, in un’escalation di lentezza geologica tra incomprensioni ataviche e antipatie immotivate. Sullo sfondo, una dittatura militare.
Daniel Cuello costruisce il libro perfetto, dosando con sapienza da consumato narratore i divertenti siparietti tra i suoi leggendari vecchietti e una macro trama intrisa di amori taciuti, profonde lealtà, dolori indicibili e grida strozzate in gola.

Un libro allo stesso tempo leggero e pesante come un macigno, con un baricentro emotivo spostato tutto in avanti che verso il finale vi farà sentire un tonfo nel torace: il vostro cuore, pesantissimo, romperà gli ormeggi e diventerà il nodo alla bocca dello stomaco.

Residenza Arcadia è disponibile in libreria dall’11 maggio 2017


.

Daniel Cuello è argentino di nascita, italiano di adozione ma soprattutto fumettista perché ha sempre voluto così. Nel suo sangue ci sono più o meno sette nazionalità diverse. Autodidatta, da anni pubblica vignette, racconti brevi e illustrazioni sul web, mentre di nascosto scrive e disegna storie lunghe mai pubblicate. Tranne questa. E le prossime.

(dall’Editore)

Salva

Post correlati