«Sono anni che se ne parla, ma dalle nostre parti sembra che ancora non se ne venga a capo. La dizione graphic novel va intesa al femminile o al maschile? Sostituisce il termine fumetto? Quali sono le sue caratteristiche precipue? È un fumetto più nobile, o no? Da quando e perché si è cominciato a usare questa locuzione? E cosa significa in fondo e sul serio?».

Domande che tutti gli appassionati di Nuvole Parlanti si sono poste almeno una volta. E cui – in questo interessante intervento su Alfabeta2.it – offre la sua risposta Ferruccio Giromini.

Buona lettura.

Post correlati