faccedacomics_coverPer decenni, l’autore del fumetto che il lettore aveva tra le mani, che magari collezionava, che aspettava trepidante mese dopo mese davanti all’edicola, è stato un’entità astratta. Di più: fatte ovviamente le dovute eccezioni, non ci si poneva neppure il problema di chi potesse essere costui. A rendere ancora “più umani” questi artisti, a mostrarceli nella loro spontaneità, mentre disegnano uno sketch o sono assediati dai loro fans dietro il banchetto di uno stand, ha pensato Adriana Roveda, appassionata di Nona Arte e di fotografia. È lei che da alcuni anni gira tra le varie manifestazioni con la sua macchina fotografica al collo e immortala gli autori più diversi, per poi postare le immagini su Facebook. Ormai è ben nota nell’ambiente come la fotografa dei fumetti, e anche noi di Sbam! abbiamo a più riprese approfittato dei suoi scatti per alcuni dei nostri articoli.

Oggi che l’editore Allagalla ha ben pensato di raccogliere una selezione delle foto di Adriana (o di Adry, come ama firmarsi) per realizzarne un volume, abbiamo voluto farci raccontare dalla viva voce della “donna dietro l’obiettivo” come vive questa esperienza, come è cominciata e cosa c’è dietro al suo Facce da Comics, come è stato ben titolato il libro, che sfoggia anche una elegante copertina firmata Lola Airaghi.
Quello che segue è un estratto dell’intervista completa che potete leggere – con molte altre informazioni e alcune delle foto dell’autrice – sul nr. 31 della nostra rivista digitale, scaricabile liberamente da QUI.

Ciao Adriana, raccontaci come è nata questa tua passione per la fotografia e per le foto di “vip fumettosi” in particolare…
Sono sempre stata molto eclettica nelle mie passioni, passate di volta in volta dai dischi in vinile ai giocattoli, ad esempio, finché sono approdata al fumetto, che in origine non seguivo. Per vari motivi mi sono trovata a frequentare il mondo del collezionismo di albi e ad incontrare i primi autori, con particolare attenzione a quelli di Zagor (Adriana collaborava con Zagor Tv su YouTube, Ndr)Così cominciai ad appassionarmi anche al fumetto vero e proprio e mi piaceva molto incontrare gli autori, non in quanto “vip”, ma in quanto persone abili a fare qualcosa che anche a me sarebbe piaciuto tanto fare: disegnare, illustrare. Cominciare a fotografarli nel loro ambiente mentre lavorano, è diventato il mio modo per avvicinarli, per condividere il loro mondo. Proprio per questo non faccio mai foto in posa.

Come scatti le tue foto?
Io non mi trovo mai a mio agio nella ressa, tra la folla. Quindi avvicinarmi agli autori nelle fiere mi risultava difficile. Ma presto ho notato che l’avere in mano una macchina fotografica “vera” favorisce la possibilità di avvicinarsi, e a me permette di concentrarmi sul soggetto: in quel momento, quel disegnatore lì sta lavorando “per me”, lo vedo come se fosse lì da solo. E con la foto cerco di evidenziarlo, di mostrare come è quel particolare autore, lì, in quel momento. Non voglio una foto d’insieme, voglio “lui”…

E arriviamo al tuo libro…
Un’idea nata assolutamente per caso. Da sempre pubblico le mie foto su Facebook, tanto che in molti mi hanno suggerito di creare un blog, che però non avrei il tempo di seguire adeguatamente. Allora più semplicemente ho lanciato una pagina Facebook che ho chiamato TTL – Through The Lens, dove pubblico i miei scatti. Scatti molto graditi, cliccati e condivisi, a quanto pare, così che un giorno mi ha chiamato Roberto Guarino di Allagalla per propormi di farne un libro. Ed eccoci qua.

Sarà stato difficile fare una selezione di scatti…
Sì, questo mio hobby è nato nel 2008 e negli anni si sono accumulate davvero tante foto, alcune migliaia.  Ho impiegato qualche mese per selezionare le più significative. Non necessariamente le migliori – non sono mai foto di studio – ma quelle che secondo me rappresentano meglio le persone, gli artisti e le manifestazioni. Ho dovuto a malincuore scartarne moltissime, ma anche così gli artisti rappresentati sono più di 200.

Qualche volta hai immortalato anche noi Sbam-redattori nell’esercizio delle nostre funzioni…
Sì! Dovrò pensare ad un nuovo volume dedicato… alle redazioni!

(Antonio Marangi)

Adriana Roveda, Facce da comics, 166 pp a colori, Allagalla 2016, € 20,00

Post correlati