Non è un remake. Non è un reboot. Non è neanche un ultimate o un prequel. Gli appassionati del Detective dell’Impossibile dovrebbero averlo ormai capito, visto che questa precisazione è diventata quasi un tormentone da che si è cominciato a sentir parlare del nuovo Martin Mystère, protagonista della serie a colori di 12 albi che uscirà in occasione di Lucca e, subito dopo, in edicola e fumetteria.

SbamComics29_coverNoi di Sbam! abbiamo già sviscerato in lungo e in largo i misteri – anzi, i mysteri – di questa novità, intervistando alcuni degli autori che l’hanno realizzata e proponendovi il lungo Speciale che potete sempre leggere sul nr. 29 della nostra rivista digitale, scaricabile liberamente da QUI.

È certo però che trovarsi finalmente in mano i primi albi e vedere “dal vivo” il risultato finale è ancora meglio, visto che ci permette di accedere anche alla trama e a quei dettagli che nella nostra intervista gli autori non potevano rivelarci.

Leggendo qusti primi due titoli, scopriamo così un Martin Mystère sì più giovane del suo “collega” classico, ma altrettanto anarchico, forse un po’ meno logorroico, ma anche più spregiudicato: privo di quell’aura che viene dall’essere un illustre studioso, un celebre scrittore, un ben noto volto televisivo – aura di cui invece gode ampiamente l'”altro” – il Nostro è obbligato ad arrangiarsi con mezzi più complicati per riuscire nei suoi intenti. Magari chiedendo favori a personalità più o meno altolocate, come la bella Arianna Doria, direttrice (o qualcosa del genere) degli Uffizi di Firenze, con cui intrattiene un rapporto non ancora ben identificato.
Al suo fianco non c’è Java, ma un personaggio del tutto nuovo, Max (eccellente la trovata delle sue continue citazioni di improbabili proverbi!), con cui pare di assistere a una versione moderna di Mandrake/Lothar. C’è anche Diana, ma in ruolo completamente diverso, e così pure Sergej Orloff.

sbam-martin-mystere-nuovo-1Le citazioni della serie tradizionale sono ovviamente numerosissime, per chi saprà coglierle, ma la storia è perfettamente leggibile anche da chiunque non abbia mai visto il BVZM: una storia avvincente, molto rapida, ricca di cambi di scena, con parecchi elementi che avranno bisogno di essere chiariti in seguito.
Così, tra preziosissime opere di Leonardo da Vinci, inseguimenti in auto, ladri internazionali, esseri mitologici, apparizioni demoniache, orde di nazisti, scienziati & ricercatori, zingare dagli arcani poteri, mummie, ma anche situazioni degne degli X-Men e altre che metterebbero a suo perfetto agio anche Dampyr, e c’è perfino l’elmo di Scipio che dà il titolo al secondo albo, tra tutto questo, dicevamo, i mysteri sono davvero tantissimi: per il giovane Martin, certo, ma anche per noi lettori, che arriviamo a pagina 96 del secondo albo con tanti bei punti interrogativi che ci gravitano attorno alla zucca, come nella migliore tradizione di Braccio di Ferro e di Felix the Cat…

In attesa di scoprire cosa si cela dietro i tanti enigmi del Buon Giovane Zio Martin, possiamo deliziarci con le tavole di questi primi due albi, firmate rispettivamente da Fabio Piacentini e Alfredo Orlandi: rispettose della tradizionale gabbia bonelliana, si prendono perà molte libertà, con splash page che esaltano la colorazione di Daniele Rudoni e di Elisa Sguanci, ma cui purtroppo l’abituale formato della Casa non rende del tutto giustizia.
Anche i luoghi in cui si svolge l’azione, tutti italiani, coinvolgono molto nella lettura: dopo decenni passati ad immaginare New York, Londra e ogni località esotica del pianeta, non è male una volta tanto trovarsi nella stazione di Firenze, sul Lungarno, o sotto la Mole Antonelliana di Torino…

sbam-martin-mystere-cofanettoTutto questo si deve allo staff che si è autobattezzato i Mysteriani: sotto l’occhio vigile di Alfredo Castelli, si sono infatti mossi con maestria Giovanni Gualdoni (coordinatore dello staff), Andrea Artusi, Diego Cajelli, Ivo Lombardo, Enrico Lotti e Andrea Voglino. Le copertine sono di Lucio Filippucci.

Questi primi due albi saranno disponibili a Lucca Comics 2016 (28 ottobre-1 novembre) ovviamente presso lo stand Bonelli, acquistabili anche in cofanetto con copertina 3D ad 8 euro. Il primo numero sarà poi in fumetteria dal 3 novembre e in edicola dal 5, per il secondo bisognerà attendere il mese successivo.

Martin Mystère, le Nuove Avventure a Colori nr. 1, Ritorno all’impossibile, 94 pp a colori, novembre 2016, Sergio Bonelli Editore, prezzo speciale 2,00 €.
Martin Mystère, le Nuove Avventure a Colori nr. 2, L’elmo di Scipio, 94 pp a colori, dicembre 2016, Sergio Bonelli Editore, 4,90 €.

(Antonio Marangi)