Isabella Manfrini è nata ad Ancona nel 1967.
«Per emulare mio padre, mi diplomo in ragioneria e inizio a frequentare la Facoltà di Economia e Commercio», ci ha spiegato. «Ma al terzo esame capisco che questa strada proprio non fa per me! Vengo a conoscenza di un corso di Grafica Pubblicitaria presso il Centro Sperimentale Design di Ancona, e senza alcuna preparazione specifica, tento l’esame di ammissione con risultati favorevoli. Per due anni la mattina frequento la scuola e il pomeriggio continuo a lavorare, mentre la sera “faccio i compiti”. Poi, un giorno di due anni fa durante una lezione di Bal Folk, la mano “parte” e nasce la prima vignetta satirica su un fogliaccio. Da quel momento nascono tutte le mie vignette ispirate al Bal Folk che pubblico su Facebook.
Dall’inizio del 2015, cambia il tratto del disegno e “sposto” le vignette anche in altre situazioni della mia vita, come l’acquisto dell’auto, un aperitivo con le amiche, la ricerca dell’uomo (im)perfetto. Da qui nasce LaManfrina che è poi anche una danza e soprattutto un modo di fare che tutti però dicono non mi corrisponda per niente. Nel giugno del 2015, per la prima volta espongo le mie vignette al Gran Bal Trad di Vialfrè, uno degli eventi di Bal Folk più importanti in Italia».

Isabella ci ha inviato alcune delle sue vignette: le trovate su Sbam! Comics nr. 29 – la nostra rivista digitale scaricabile liberamente da QUI – tra i fumetti di autori esordienti che proponiamo, come sempre, sulle nostre pagine.

Post correlati