Amélie Fléchais, Lupetto Rosso, Collana Mirari n. 1, 80 pp a colori, Tunué 2015, € 12,90

«C’era una volta una famiglia di lupi che viveva in una foresta profonda e misteriosa».

Perché stavolta Cappuccetto Rosso è un Lupetto Rosso. La Nonna una lupa anziana senza denti che non può più andare a caccia, e Mamma Lupa una figlia premurosa che dà al cucciolo un coniglio da portare alla nonnina. Prima della partenza, però, il piccolo è stato messo in guardia: nella foresta, infatti, si nascondono degli umani pericolosissimi da cui dovrà tenersi alla larga, il cacciatore e sua figlia…

Lupetto_CovAmélie Fléchais apre Mirari, la collana degli Illustrati Tunué con un libro dai colori cangianti, in cui la cura per il dettaglio è tale da rendere delizioso anche il fiore più piccolo e nascosto. Un’opera che, capovolgendo e rileggendo la fiaba di Charles Perrault, racconta come la tristezza e la felicità non siano una questione di specie, ma siano cosa del lupo come dell’essere umano.

La collana Mirari
Con questo volume parte Mirari, una nuova collana interamente dedicata ai libri illustrati.
La trasversalità è uno degli elementi che più caratterizzano il catalogo Tunué: la sua linea editoriale, infatti, gioca con le commistioni, e conduce una ricerca che punta all’incontro fra letteratura e fumetto, ma anche tra diverse generazioni di autori e lettori.
L’esempio più significativo, in tal senso, è certamente Tipitondi, che si propone al pubblico come la prima collana di graphic novel per lettori junior e young-adult.
Mirari, pertanto, nasce come naturale evoluzione di un percorso di sviluppo editoriale a completamento di un’offerta di stili, generi e linguaggi che possa reinventare il modo in cui siamo abituati a intendere il racconto di una storia.
Il nome della collana mette al centro l’idea di uno sguardo che si leghi indelebilmente alle sensazioni dello stupore e della meraviglia.

Per quanto riguarda le pubblicazione future, la casa editrice seguirà, anche per Mirari, la strada allo scouting che ha scelto di percorrere fino a oggi, affidandosi al monitoraggio nazionale e internazionale, con un occhio rivolto sia alle fiere di settore che alle proposte dirette.

(comunicato dell’Editore)

Post correlati