Silvia Ziche, Un ex è per sempre, 128 pp in b/n, Rizzoli Lizard 2015, € 16,00

Lei è Lucrezia, giovane donna di oggi, tutta moda-social network-amiche-riflessioni filosofiche.
Lui è Riccardo, il suo fidanzato.
Lei costruisce grandi progetti sul suo futuro insieme, sogna il matrimonio, viaggi, dolcezze assortite.
Lui… la pianta!
E la pianta nella terza tavola di questo libro, lasciandola sola con il suo dolore (ma anche rancore, dubbio, disillusione, voglia di vendetta, mal di testa, stress…) per le successive 120.

sbam_LucreziaAlla disperatissima Lucrezia non resta che cercare conforto nelle amiche, nei genitori (una coppia ormai sclerotizzata nella sua routine), nell’anziana nonna vedova, acida e “cattiva”, e nel cagnolino Oliver che la segue come un’ombra. Ma anche, perfino, in Luca, il suo primo antico amore, un altro ex che più ex non si può, che per di più vive in casa sua, in un assurdo rapporto di simbiosi… col suo divano! Un individuo strampalatissimo, dunque, ma anche l’unico che parla molto chiaramente a Lucrezia, mettendola davanti alla realtà, senza farsi prendere dalla commiserazione (o dallo sfinimento) delle amiche.

Ma ovviamente, il principale interlocutore di Lucrezia è sempre e solo Riccardo, che le svolazza attorno nella forma di un fantasmino che le ingombra in ogni modo i pensieri… Perché se un qualsiasi rapporto stabile può sempre finire, un ex è inevitabilmente per sempre.

La magistrale Silvia Ziche usa le sue strip umoristiche per condurci in questo viaggio nel cuore infranto della sua Lucrezia, personaggio ormai ben noto grazie a precedenti pubblicazioni e alla presenza costante sulle pagine di Donna Moderna. In rapide sequenze di poche vignette riesce a dipingere ritratti divertentissimi (e quanto mai veritieri) di una situazione che tutti abbiamo vissuto una qualche volta in vita nostra, aiutandoci «a osservare il mondo delle relazioni di coppia attraverso la lente dell’ironia, che rende tutto più chiaro, divertente e, in fondo, superabile», come scrive nella sua presentazione Tito Faraci.

Tutto questo illustrato dal bellissimo tratto di Silvia, perfezionato in anni di tavole disneyane (e non solo), che fanno di lei una delle assolute maestre del fumetto umoristico italiano.

Impossibile dunque non assegnare a questo volume la Sbam-coccarda SSGF (Signore e Signori, questo è Grande Fumetto). Applausi.

(Antonio Marangi)

Post correlati