Aa.Vv., L’incredibile Marvel – 75 anni di meraviglie a fumetti, 240 pp, Comicon Edizioni 2015, € 24,00

Approda finalmente nelle migliori librerie L’Incredibile Marvel, corposo catalogo della mostra allestita nell’ambito del Napoli Comicon della scorsa primavera per celebrare a dovere i 75 anni della Casa delle Idee.

incredibile_marvel_comiconUn volume che, pur senza ambizioni enciclopediche o pretese di completezza, rappresenta un utile compendio per chiunque (neofita della Nona Arte o Marvel-addicted della prima ora) voglia approfondire le vicende dell’editore che, forse più di ogni altro, ha contributo a plasmare l’immaginario fumettistico contemporaneo.

Dalla pionieristica Timely di Martin Goodman alla Marvel contemporanea di Joe Quesada, passando ovviamente per l’epopea del “sorridente” Stan Lee, tutte le diverse fasi della storia marvelliana vengono sviscerate in sezioni dedicate a cura di Pier Luigi Gaspa, Giuseppe Guidi, Marco Rizzo e Aurelio Pasini, impreziosite da un ricco apparato iconografico (che comprende molte delle tavole originali esposte nella mostra napoletana) e da sintetiche schede di approfondimento sui principali autori.

Esaurita l’analisi “cronologica”, il volume si sviluppa poi in una serie di interessanti contributi tematici: tra gli altri, Luca Scatasta si sofferma sull’importanza dei concetti di continuity e crossover nello sviluppo del Marvel Universe, Antonio Solinas sviscera il complesso rapporto tra i comics marvelliani e la scienza, mentre Davide Morando mette in luce il ruolo giocato dalla Casa delle Idee nell’affermazione delle “pari opportunità” fumettistiche, prima attraverso la progressiva maturazione ed emancipazione dei personaggi femminili e poi, in anni più recenti, con l’outing di eroi dichiaratamente omosessuali come Northstar e la particolare attenzione riservata alle minoranze etniche e/o religiose.

Non mancano, ovviamente, spazi dedicati alla vita editoriale della Marvel in Italia, a cominciare dalla mitica Editoriale Corno (e anche prima), così come alla sempre più stretta convergenza transmediale tra fumetti, tv e cinema. Chicca finale, la bibliografia che raccoglie in ordine cronologico tutti i saggi e le monografie in lingua italiana dedicati a storie e personaggi Marvel.

Basta così? Niente affatto. Meritano infatti una citazione particolare gli scanzonati ma a loro modo serissimi interventi di Diego Cajelli che introducono le diverse sezioni del volume. Chiavi di lettura personali dello sceneggiatore milanese, in cui moltissimi marvelliani d’Italia potranno senz’altro riconoscersi (anch’io, per esempio, ho spesso sognato di bere una pinta di Guinness in compagnia di Garth Ennis…).

(Marco De Rosa)