Non so voi, ma l’immagine che la definizione di “amministratore di condominio” ci crea davanti agli occhi è quella di un “mezzemaniche” dal fare burocratico, con panzetta e occhialini in punta di naso.
Maison_Ikkoku_StarNaturalmente, come in tutte le cose, ci sono sempre ottime eccezioni. È il caso della dolce Kyoko Otonashi, cui spetta l’incombenza di amministrare – e comunque di gestire – la pensione Ikkoku, e che è in tutto e per tutto una gran bella fanciulla.
Tanto bella da non lasciare certo indifferente lo studente universitario Yusaku Godai, inquilino dell’Ikkoku e co-protagonista della vicenda, svanito e scansafatiche, già vittima dello scherno e delle dicerie dei suoi dirimpettai. A partire dalla disinibita Akemi, che non manca di gironzolare sulle scale mezzo nuda per colpire l’ampia dotazione ormonale del ragazzo, e per proseguire con la classica casalinga-pettegola, la signora Hanae Ichinose, che vive col figliolo Kentaro, e con il vicino Yotsuya, all’apparenza un uomo d’affari. Tra equivoci, doppi sensi e situazioni domestiche varie, il giovanotto faticherà un bel po’ a rendersi conto di quanto la seriosa e saggia amministratrice gli stia a cuore. E più ancora lei, forse attratta anche dal suo maestro di tennis, non riesce a mettere a fuoco i suoi sentimenti…

In una bellissima edizione in volume (la prima uscita è di fine aprile, sul mensile Neverland, nr. 279, 350 pp in b/n, € 7,00), Star Comics ripropone Maison Ikkoku, opera già pubblicata in albo alla fine degli anni Novanta e da cui  era stato tratto anche il fortunato anime Cara dolce Kyoko.
È firmata da una delle più grandi mangaka di tutti i tempi, Rumiko Takahashi (autrice di robette del calibro di LamùRanma ½). Forse, ma solo forse, l’impatto grafico delle tavole comincia a risentire un po’ del tempo, ma questo nulla toglie a una lettura piacevolissima, spesso comica, con un pizzico di erotismo qua e là, sempre in grado di permettere al lettore di immedesimarsi nelle varie situazioni, pur ovviamente ambientate nel contesto nipponico.

(Matteo Giuli)

Post correlati