Festival Filosofia – Dal 12 al 14 settembre 2014 – Fondazione San Filippo Neri e Piazza dell’ex Manifattura Tabacchi – Modena

sturmtruppenEbbene sì, maledetto Carter. Hai vinto anche stavolta!” Nick Carter, il detective dei fumetti in TV, creato dal duo modenese Bonvi (Franco Bonvicini) e Guido De Maria sarà infatti tra le glorie celebrate sotto la Ghirlandina al Festival Filosofia che si terrà dal 12 al 14 settembre. D’altra parte dato il tema dell’edizione, la Gloria, non poteva mancare l’omaggio ai maestri modenesi dell’animazione italiana: Guido De Maria e Bonvi, Paul Campani con Secondo Bignardi e Renato Berselli, che hanno dato vita agli Studi dell’animazione modenese, una scuola, tra letteratura disegnata e industria culturale, che coi suoi personaggi e le loro storie ha segnato un’epoca della comunicazione televisiva e della réclame da Carosello a SuperGulp! e creato miti e detti dell’immaginario collettivo di una generazione.
La loro opera verrà ripercorsa a Modena con proiezioni e docu-film nel corso di tre serate, una per ogni data del Festival Filosofia, presso la Piazza dell’ex Manifattura Tabacchi, e ben due saranno le mostre e le installazioni dedicate: la prima presso la sede della galleria d’arte moderna D406 fedeli alla linea dal titolo “Campani, Bignardi, Bonvi, Berselli, De Maria. Da Carosello a SuperGulp! La gloria dell’animazione italiana attraverso gli Studi modenesi” dove saranno esposti inediti di Bonvi; una seconda “L’officina dell’animazione modenese d’autore” presso la Fondazione San Filippo Neri con installazioni dedicate. Serate e mostre si avvalgono della curatela di un team d’eccezione formato da Stefano Bulgarelli, Claudio Varetto, Fabio e Stefano Bignardi e il fumettista Clod. Tutto il percorso sull’animazione e su Bonvi è stato realizzato con il contributo della galleria D406 fedeli alla linea presso la cui sede la mostra proseguirà ben oltre il Festival fino a novembre.

All’inizio, a metà degli anni ’50, fu la Paul Film di Paul Campani che, complice una neonata Radio Televisione Italiana, realizzava spot animati (suo l’Omino coi baffi), cui si affiancarono poi all’inizio degli anni ’60 la Cartoncine di Renato Berselli e lo Studio Bignardi. Berselli, dopo la gavetta alla Paul Film, lavorerà in proprio (per marchi come Campari e Invernizzi) e come contoterzista per la PlayVision di De Maria, il quale forte dell’esperienza nel mondo di Carosello (suo il personaggio di Salomone, pirata pacioccone, con la realizzazione grafica di Ebro Arletti) tramite la Vimder Film di Bologna e l’agenzia pubblicitaria LDB, creò  il suo studio a Modena all’inizio degli anni ’70 per la realizzazione dei Fumetti in TV. De Maria, trasferitosi a Modena, dopo una breve collaborazione con Secondo Bignardi, darà vita a PlayVision, di cui sarà titolare unico, che condividerà la sede con PlayComics dell’amico Bonvi.

sergente_sturmtruppenIn mostra presso D406 fedeli alla linea disegni e materiale prodotti dagli studi dell’animazione a Modena, i personaggi di Carosello, dall’Omino coi baffi a Miguel (son mi), a Giumbolo di De Maria animato da Berselli per SuperGulp!, al Nick Carter dei Fumetti in Tv di Bonvi-De Maria. Ma la vera chicca sarà una collezione di inediti storyboard originali delle mitiche Sturmtruppen di Bonvi, una raccolta di taccuini con schizzi delle strips finora mai esposti dove si può ammirare l’espressività incisiva del vignettista e lo sviluppo narrativo dell’autore. Le opere sono state ritrovate casualmente nel corso delle attività di catalogazione del patrimonio d’arte lasciato da Bonvi che vede impegnati la figlia, architetto Sofia Bonvicini, per conto degli Eredi, e Claudio Varetto, che con la sua agenzia si occupa del rilancio editoriale dell’opera del maestro (ne parlavamo qui, Ndr). La mostra inaugurerà venerdì 12 settembre alle 18.00, resterà aperta nei giorni del Festival dalle 9.00 alle 23.00, ma proseguirà fino a Novembre. Mentre presso la Fondazione San Filippo Neri aprirà i battenti, sempre cenerdì 12, ma alle 19.30, la mostra “L’officina dell’animazione modenese d’autore” visitabile dalle 9.00 alle 23.00 nei soli giorni del festival.

Da segnalare, inoltre, tre serate, nella piazza della Manifattura Tabacchi, dove gli amanti dei cartoons, potranno rivivere le cronache di straordinarie vite d’artista nel racconto scoppiettante di Guido De Maria (alle 20.30 di sabato sera), in una Modena mitica e leggendaria dove aneddoti, presunte avventure e veri amarcord restituiranno il clima  di una stagione di passioni scapigliate che seppe conciliare arte e impresa e costruire sotto la Ghirlandina una realtà economica con corredo di fatturati e posti di lavoro, una specie di Disney all’italiana.

Dopo l’inaugurazione del Bonvi Parken, avvenuta due anni fa per iniziativa di Roberto Alperoli, all’epoca assessore alla cultura del comune di Modena,  la città in occasione del festival che più la rappresenta continua a valorizzare un patrimonio d’arte e cultura che, eternato in tante gag e citazioni, ha in parte contributo a costruirne il mito di città laboriosa e sorridente.

Dichiarazione di Guido De Maria. «A me la glorien! Gridava il barone rosso nell’episodio ‘L’arma segreta’ di Nick Carter. Poco dopo (nella sequenza successiva) l’aereo precipitava disastrosamente al suolo conquistandosi uno spazio di gloria degno di un verso di Brecht. Questa invettiva oggi risuona particolarmente cara, in questa città che nell’ambito di una manifestazione di indubbio spessore culturale, fa rivivere con affetto e ironia storie strampalate di eroi sgangherati e vite d’artista costruite con grande immaginazione e talento. Le nostre stars erano tutte nelle strisce che il pubblico ha amato e continua ad amare. Non i critici, ma l’affetto di tanti lettori e spettatori ha fatto brillare la stella del nostro lavoro. E di questo sono profondamente grato».

(comunicato stampa • 08/09/2014)

Post correlati