Dylan Dog 311 Il giudizio del corvo
Soggetto e sceneggiatura: Roberto Recchioni
Disegni: Daniele Caluri
Proprio nel mese in cui Roberto Recchioni deve “salutare” il suo John Doe con l’ultimo numero della serie, ecco in contemporanea in edicola questo albo di Dylan che – anche grazie agli ottimi disegni di Caluri – è certamente uno dei migliori in assoluto del post-Sclavi! La storia comincia nel migliore dei modi per il buon Dylan: infatti è ad un concerto rock con la bella Clelia che subito dopo è entusiasta di salire a casa sua… Tutto perfetto, quindi. Peccato che nel giro di un paio di vignette la fanciulla si trovi misteriosamente  prigioniera di un folle mascherato da corvo che obbligherà l’Indagatore dell’Incubo a una terribile serie di assurdi test, pena l’assassinio della fanciulla! Ma chi è il pazzoide dietro tutta questa messa in scena? A condire il tutto, il ritorno anche di un altro vecchio terribile nemico e l’insperato aiuto di… Capitan Fantastic! Applausi!

Zagor 565 (Zenith Gigante nr. 616) La città sulla Cordigliera
Soggetto e sceneggiatura: Moreno Burattini
Disegni: Giuseppe Prisco
Si conclude (o forse no?) questa ennesima sotto-avventura dello Spirito con la Scure: sempre all’inseguimento di Dexter Green, suo ex grande amico rivelatosi un traditore, Zagor sta infatti percorrendo il continente americano in lungo e in largo, ma strada facendo gliene capitano davvero di tutti i colori. Questa voltà è in Perù, e deve salvare la bella Soledad dalle grinfie del feroce Barranco. Tutte queste “distrazioni” dall’inseguimento di Green rendono ovviamente ancor più difficile la situazione. Conclusa la vicenda (con un classico finale aperto), ne comincia subito una nuova, e Zagor e Cico giungono in piena Amazzonia, tra indios bellicosi e belve assortite. Nuova trama di cui questo numero riporta solo l’inizio, con i testi di Luigi Mignacco e con i disegni di (signore e signori, mano sul cuore e tutti sull’attenti) Gallieno Ferri.

Julia 167 Nella rete
Soggetto: Giancarlo Berardi
Sceneggiatura:
Giancarlo Berardi e Lorenzo Calza
Disegni: Claudio Piccoli
Una riuscitissima sequenza cinematografica apre la storia: la sovrapposizione temporale tra una partita di volley femminile e una scolaresca infantile in gita nel parco cittadino. Finché salta fuori il cadavere di una ragazza giovanissima. Julia deve indagare sul triste caso, e stavolta è affiancata dal bel Ernest, potenziale nuova fiamma. Dribblando la gelosia di Webb, non sarà comunque facile arrivare alla soluzione di un caso intricatissimo che lascia il lettore nel dubbio sull’assassino fino a (quasi) l’ultima pagina. Sintomo evidente che questo giallo è un buon giallo! Belli i ritratti dei vari personaggi, ottimi i disegni di Piccoli.

Tex 622 La rivincita di Makua
Soggetto e sceneggiatura: Pasquale Ruju
Disegni: Alfonso Font
Si completa la vicenda cominciata sul numero precedente: sono passati due anni dall’incontro tra il giovane Makua e Aquila della Notte, il ragazzo è cresciuto ed è ormai a tutti gli effetti un pistolero (un ottimo pistolero) fuorilegge. Si è associato al suo mentore Santos e lo accompagna nel suo traffico di armi, senza perdere l’occasione di vendicarsi di coloro che negli anni lo avevano reietto per il suo stato di “mezzosangue”. Inevitabilmente quindi la sua strada torna a incrociare quella di Tex e dei suoi pard, impegnati nel tentativo di fermarlo e – chissà – recuperarlo a una vita onesta. L’ottimo disegno di Font illustra un bell’albo, solo il finale è forse un po’ troppo rapido.